Regionalizzazione: governo del cambiamento o del fallimento? Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Emilio Cavallaro – L’Italia è sull’orlo del precipizio, e il nuovo governo dopo aver tanto criticato la buona scuola di Renzi nel silenzio più totale vuole regalarci la regionalizzazione della scuola mai accennata in campagna elettorale!

Prendendo in giro migliaia di persone che hanno creduto e votato questo governo cosi detto <del cambiamento>.

Alla faccia del cambiamento!!!! Qua stiamo tornando indietro nei secoli, si sta tentando di spaccare il Paese in tanti piccoli staterelli a questo punto non ha più senso neanche che esista un governo centrale, ci siamo fatti abbindolare da chi parlava di reddito di cittadinanza che è una gran fregatura in quanto servono dei requisiti così ridotti che la maggior parte delle persone che ne potranno usufruire saranno stranieri, si proprio gli stranieri, cavallo di battaglia di Salvini che predicava:< prima gli italiani!!>

Tra l’altro un reddito di cittadinanza diverso da quello di tutti gli stati europei in quanto non si è padroni dei contanti. Sul tema della regionalizzazione della scuola all’ultimo minuto il M5S ha bloccato momentaneamente la manovra, chissà magari si sono resi conto di poter perdere tutti i voti alle Europee? La regionalizzazione della scuola statale e della sanità è un progetto folle che va archiviato definitivamente, su questo si deve battere il M5S altrimenti questo rischia di diventare il governo del fallimento altro che cambiamento!!

Versione stampabile
anief banner
soloformazione