Reggi: “non useremo prove Invalsi per valutare i docenti”. Le scuole peggiori manderanno i prof al doposcuola

Di
WhatsApp
Telegram

red – Oggi le prove Invalsi per la primaria. Si parte, come sempre, tra le polemiche sulla validità e sul ruolo dei test. A metà maggio, inoltre, MIUR e sindacati discuteranno di aumenti stipendiali legati al merito e alla valutazione dei docenti. Che ruolo avranno le prove Invalsi?

red – Oggi le prove Invalsi per la primaria. Si parte, come sempre, tra le polemiche sulla validità e sul ruolo dei test. A metà maggio, inoltre, MIUR e sindacati discuteranno di aumenti stipendiali legati al merito e alla valutazione dei docenti. Che ruolo avranno le prove Invalsi?

In una intervista rilasciata al quotidiano "Italia Oggi", il sottosegretario Reggi ha voluto tranquillizzare i docenti sul ruolo delle prove Invalsi nella loro futura valutazione: "I docenti stiano tranquilli, non c’è nessuna intenzione di utilizzare i dati per valutare i prof".

Eppure, fa notare la Ricciardi (che ha realizzato l’intervista), le affermazioni del Ministro vanno in direzione opposta. "Bisogna distinguere. – ha risposto il sottosegretario – Un conto è affermare, come ha fatto il ministro Stefania Giannini, che l’aumento della retribuzione dei docenti non può essere legato solo all’anzianità, e su questo anche io sono d’accordo. Un conto sostenere che lo strumento per valutare i docenti siano le prove Invalsi. Questa tesi, portata avanti in passato, non ci appartiene e non ha fondamento scientifico, dato che non possiamo dedurre dal solo uso dei dati delle prove altri aspetti che riguardano il funzionamento della scuola e tanto meno l’efficacia dell’insegnamento del singolo insegnante."

Ma se la scuola dimostra carenze dai risultati delle prove, bisognerà attivare interventi per colmarle. "Non trovo disdicevole – ha commentato Reggi – concentrare le poche risorse economiche che abbiamo per l’aggiornamento dei docenti o per l’ammodernamento dei laboratori per colmare quei ritardi. Questo non vuol dire dare pagelle ai docenti, ma misurare gli andamenti per decidere come intervenire." Leggi tutta l’intervista

Vedi anche

Da settembre valutazione delle scuole. I prof delle peggiori seguiranno corsi di formazione

INVALSI, Ajello: alla valutazione esterna non vanno attribuite funzioni improprie. Anche l’inglese nei test? “Tempi e modi da definire”

Per il futuro: ampliamento a inglese e scienze, possibile introduzione al quinto anno secondaria II grado, somministrazione informatica

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia