Referendum contro riforma, firme ok: abolire chiamata diretta e potere dei dirigenti, soldi alle private e comitati di valutazione

di redazione
ipsef

Sono 530mila le firme certificate e raccolte per far partire un referendum per abrogare alcune parti della riforma della scuola.

Sono 530mila le firme certificate e raccolte per far partire un referendum per abrogare alcune parti della riforma della scuola.

Superata, quindi, la soglia minima di 500mila firme, nonostante le preoccupazioni dei diretti interessati che temevano di non avere tutti i numeri perché molte schede erano arrivate senza vidimazione da parte dei comuni.

Le firme oggi saranno consegnate alla Corte dei Conti per il controllo e poi l'avvio delle procedure.

Gli organizzatori hanno chiesto che vengano abrogate le parti della riforma della scuola che aumentano i poteri dei dirigenti, che istituzionalizzano la chiamata diretta, che permettono il finanziamento delle scuole non statali e istituiscono i comitati di valutazione.

Versione stampabile
anief
soloformazione