Referendum, Cangemi (PCI): grande contributo al “no” dal mondo dell’Istruzione

WhatsApp
Telegram

Dichiarazione di Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola, università, ricerca del Partito comunista Italiano

“Un grande moto popolare ha spazzato via la controriforma renziana della Costituzione”- ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola, università, ricerca del PCI.

“Una nuova pagina della vita del paese è possibile. Il popolo della scuola, dell’università e della ricerca ha dato un enorme contributo alla battaglia referendaria e al voto, cogliendo il nesso profondo tra l’attacco alla Costituzione e l’offensiva violentissima che ha colpito le istituzioni formative, culturali e scientifiche del paese.

La fonte primaria dell’istruzione pubblica e democratica, della libertà d’insegnamento e di ricerca, la Carta Costituzionale nata dalla Resistenza, è salva.

Le conseguenze politiche del risultato hanno anche effetti positivi immediati: i lugubri figuri che hanno tormentato in questi anni, scuola e università, Giannini e Faraone, sono travolti, alcune misure devastanti pronte per essere varate (tra cui le deleghe della 107, la riduzione di un anno di scuola superiore, i superprofessori universitari nominati dal governo) sono almeno ritardate.

Adesso si può e si deve con forza e fiducia riprendere la mobilitazione contro le ignobili leggi frutto delle stagioni di Berlusconi, Monti e Renzi, contro i tagli, per una nuova stagione della scuola, dell’università, della ricerca nel nostro paese.”- ha concluso Cangemi.

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff