Reddito di emergenza anche per insegnanti supplenti e docenti con partita Iva?

di Patrizia Del Pidio

item-thumbnail

L’indennità di 600 euro o il reddito di emergenza possono spettare a docenti con contratto fino a giugno o docenti che siano titolari anche di partita Iva?

  • Buon pomeriggio, mio nipote insegna informatica  in provincia di Salerno contratto fino al 12 giugno. Può usufruire del reddito di emergenza? In attesa di una vostra risposta, distinti saluti. 

Per chi ha un contratto e sta, quindi, lavorando il reddito di emergenza non spetta. Si tratta di un sussidio che verrà erogato a chi ha perso il lavoro oppure ha dovuto chiudere la propria attività a causa del coronavirus e, di conseguenza si ritrova senza entrate per il sostentamento.

Gli insegnanti con contratto fino a giugno, oltre a percepire, fino al mese di giugno, lo stipendio, alla scadenza del contratto potranno richiedere anche l’indennità di disoccupazione.

  • Sono un docente part time su scuola secondaria ed ho anche partita iva come libero professionista (sempre con posizione inps) posso richiedere il bonus una tantum di 600?
    Grazie

L’indennità prevista dal Decreto Cura Italia del 22 marzo spetta ai titolari di partita Iva attiva al 23 febbraio 2020 che, al tempo stesso, non siano titolari di pensione ed essere iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie. La posizione INPS per libero professionista e quella come docente sono due posizioni distinte e, quindi, l’indennità non le spetta visto che oltre che professionista risulta essere anche lavoratore dipendente.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile