Reddito di cittadinanza solo a chi ne ha diritto: Tridico (INPS) sta con il Governo. Si fa largo il piano Salvini per finanziare la riforma pensioni?

WhatsApp
Telegram

“Sono totalmente d’accordo a che le erogazioni vadano a chi effettivamente ne ha diritto secondo i requisiti di legge. Da parte sua l’Inps ha sempre svolto con responsabilità e competenza la funzione di ente erogatore ai sensi delle norme di legge”.

Ad affermarlo è il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, interpellato dall’ANSA sul Reddito di Cittadinanza. Tridico spiega che l’Istituto ha fatto controlli ex ante e questo, “anche laddove non fosse espressamente previsto dalla legge, ha permesso di intercettare preventivamente tutti i possibili indebiti individuabili dalle analisi di rischio conosciute e disponibili“.

Nei giorni scorsi il tema è stato affrontato in particolar modo dal vicepremier Matteo Salvini, che ha proposto di “prendere” un miliardo dal reddito di cittadinanza e destinarlo alla riforma delle pensioni: “Età minima per andare in pensione 61 anni con 41 di contributi (quota 102). Per realizzare il progetto nel 2023 secondo i calcoli dell’Inps serve poco più di un miliardo. Lo recupereremo sospendendo per sei mesi il reddito di cittadinanza a quei 900mila percettori del reddito che sono in condizioni di lavorare e che già lo percepiscono da diciotto mesi”, ha spiegato in precedenza il Ministro della Lega.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur