Reddito di cittadinanza, no all’abolizione, sì alle modifiche: “Limite di 3 anni, poi stop, obbligatoria la formazione”

WhatsApp
Telegram

“Siamo ancora nella fase di studio. Abbiamo proposto di non estenderlo più a vita ma con una tempistica precisa per chi è abile al lavoro: 18 mesi di reddito con sei mesi di stop con formazione e inserimento nel mondo del lavoro, poi un decalage di 12 mesi. Arriviamo a un percorso di 36 mesi di reddito e poi si esce”.

Lo ha detto il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon parlando delle ipotesi di riforma del reddito di cittadinanza a cui si sta lavorando in vista della prossima manovra.

Intervistato da Radio Capital, Durigon ha riconosciuto che “la parte assistenzialistica ha avuto una grande funzione”, ma il reddito è stato “un vero fallimento per gli abili al lavoro”.

Poi aggiunge: “Noi non diciamo che il reddito di cittadinanza deve essere represso. Ma che chi può andare a lavorare deve farlo. Chi percepisce il reddito deve avere la formazione adeguata per rientrare nel mondo del lavoro, non bisogna pensare che non si possono accettare offerte congrue”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur