Recovery Plan, le proposte della Lega: meno alunni per classe, assunzioni docenti, impianti di aerazione, tempo pieno, educatori

Stampa

“Nessuno pensi di escludere il Parlamento ed il primo partito d’Italia dalla programmazione del futuro dei nostri figli” sulla scuola. Così il deputato della Lega Rossano Sasso, membro della commissione Cultura della Camera. Ecco le prime proposte della Lega per l’utilizzo dei fondi del Recovery Fund.

“In che modo Azzolina intende spendere le risorse del Recovery fund? Quali le priorità? Anche se 10 miliardi su 200 sono certamente pochi, vogliamo almeno che questi soldi siano spesi con cognizione di causa e per il bene degli studenti, visto che saranno loro a ripagare questo prestito con gli interessi”.

“La preoccupazione è più che legittima, se – afferma Sasso – si pensa a come il ministro Azzolina abbia gestito fino ad oggi le risorse a disposizione. Ha sbagliato su tutti i fronti e se fino ad oggi purtroppo le scuole non sono sicure, come è stato ampiamente dimostrato, al punto da rendere inevitabile la Dad anche dal 7 Gennaio, è soprattutto a causa della sua incapacità”.

“Chiediamo che da oggi in poi il governo sulla scuola faccia quello che non ha mai fatto in passato: ascolti le nostre proposte. Azzolina venga in Parlamento ed in commissione Cultura, dove le mostreremo la necessità di dimezzare il numero di alunni per classe, possibile solo attraverso l’eliminazione della piaga del precariato scolastico, migliorando in tal modo la qualità della didattica, dove le spiegheremo che un impianto di aerazione è più efficace di una finestra aperta 5 minuti, dove – conclude – le illustreremo le nostre proposte sul tempo pieno e su una figura di istituzione educativa dello Stato da sempre al servizio delle famiglie: il Convitto Nazionale, alias il Collegio”.

Ricordiamo che il capitolo Istruzione e ricerca può contare su 19,2 miliardi. 

Alla scuola andrebbero circa 10 miliardi della parte “Potenziamento della didattica e diritto allo studio”.

La tempistica

Soddisfatto il Premier che ha commentato “dobbiamo approfittare di queste vacanze per lavorare in questi giorni per cercare di fare tutte le interlocuzioni e arrivare in Cdm prima della fine dell’anno, tra il 26 e il 31 dicembre”

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora