Recovery plan, via libera da Camera e Senato a risoluzione della maggioranza

Stampa

Dopo le comunicazioni in aula della giornata di ieri, 26 aprile, in cui il premier ha illustrato ai deputati il Piano per la ripresa e la resilienza, in mattinata è arrivato l’ok alla risoluzione alla Camera e in serata quello al Senato.

Il Senato ha approvato, con 224 voti favorevoli, 16 contrari e 21 astenuti, la risoluzione della maggioranza (Pd, M5s, Lega, Leu, Italia viva, gruppo delle Autonomie) sulle comunicazioni del presidente del Consiglio, Draghi, sul ‘Recovery plan’, il Pnrr (il cosiddetto “piano nazionale di ripresa e resilienza, ndr). I senatori di Fratelli d’Italia si sono astenuti.

Con 442 voti a favore, 19 contrari e 51 astenuti l’Aula della Camera ha approvato in mattinata la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del presidente del Consiglio Mario Draghi in relazione al Recovery Plan.

Recovery plan, Draghi: “Per l’istruzione 32 miliardi. Migliorare reclutamento e formazione degli insegnanti. Cablaggio interno di circa 40mila scuole” [VIDEO]

 

Recovery plan, cosa cambia per la scuola? Interviste in DIRETTA con i sindacati [SPECIALE su OS TV il 28 aprile dalle ore 14]

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) prevede un corposo e organico pacchetto di investimenti e riforme, con l’obiettivo di modernizzare la pubblica amministrazione, rafforzare il sistema produttivo e intensificare gli sforzi nel contrasto alla povertà, all’esclusione sociale e alle disuguaglianze, per riprendere un percorso di crescita economica sostenibile e duraturo rimuovendo gli ostacoli che hanno bloccato la crescita italiana negli ultimi decenni. Si articola in 6 Missioni (digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute) e 16 Componenti.

Complessivamente, ricordiamo, la missione Istruzione e ricerca assorbirà 31,9 miliardi (il 17% delle risorse totali), mentre all’inclusione e alla coesione andranno 19,1 miliardi.

 

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!