Vaccino Covid-19, Dadone: “Obbligo per i dipendenti pubblici? Prematuro parlarne”

Stampa

La ministra della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, è intervenuta a Sky TG 24 Economia.

Sul Recovery Plan afferma: “È utile discutere in maniera aperta su tutti i progetti, è necessario discutere in maniere aperta e scevra dalla  difesa dei vari ministeri e se vengono destinati più soldi a sanità e  scuola è giusto”.

Inoltre, ha aggiunto Dadone in merito ai ventilati ritardi sul piano: “Non siamo fermi alle bozze è chiaro che per un piano così complesso per il futuro dell’Italia servono interlocuzioni importanti anche per la Pa in ambiti trasversali, è giusto prendere del tempo e sentire eventuali rilievi sul merito, poi il passaggio parlamentare e a metà febbraio il piano”.

Sul Vaccino Covid-19, invec,e afferma: “L’ipotesi di rendere obbligatorio il vaccino anti covid per i dipendenti pubblici è fuori discussione in questo momento, Di fronte  ad un Paese che ha la capacità di arrivare non solo ai propri  dipendenti pubblici ma a tutti i cittadini con una attività di  raccomandazione rispetto allì’opportunità di vaccinarsi, a fronte  della pandemia, parlare di obbligatorietà mi sembra prematuro anche tenuto conto del numero di vaccini che abbiamo a disposizione”

E poi: “È un tema che si potrebbe  porre eventualmente in un secondo momento – ha aggiunto – qualora non  si riuscisse a raggiungere quella percentuale che garantirebbe l’immunità ma sulla quale continuo a confidare”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata