Reclutamento: la chiamata diretta tiene banco

di Lalla
ipsef

Lalla – La chiamata diretta dei docenti, avviata con il progetto regionale lombardo per l’assunzione dei docenti nei percorsi di Istruzione e Formazione Professionali che transiteranno nelle scuole statali, ha detrattori e sostenitori. I sindacati premono per avviare un confronto con il Ministro su questo tema.

Lalla – La chiamata diretta dei docenti, avviata con il progetto regionale lombardo per l’assunzione dei docenti nei percorsi di Istruzione e Formazione Professionali che transiteranno nelle scuole statali, ha detrattori e sostenitori. I sindacati premono per avviare un confronto con il Ministro su questo tema.

No all’assunzione diretta del personale scolastico
CONITP – Il CONITP in seguito ad affermazioni politiche che vorrebbero le assunzioni direttamente fatte dai dirigenti scolastici e/o regioni senza tener conto delle graduatorie esistenti, diffida il MIUR e sollecita gli organi parlamentari affinché la competenza nella assunzione del personale rimane ad esclusivo appannaggio dello Stato perché sarebbe un principio di incostituzionalità , come il progetto di legge della Lombardia attraverso cui il Presidente Formigoni vorrebbe selezionare nuovi docenti per mezzo di concorsi locali.

Finalmente si avvicina la chiamata diretta dei docenti in Lombardia
di Luigi Gaudio – Atuttascuola già da tempo, voce che grida nel deserto, auspica che si adottino diverse modalità per il reclutamento, soprattutto la chiamate diretta dei docenti, unica condizione perché anche in Italia l’autonomia si realizzi pienamente, come in altri paesi sviluppati.

Di Menna: sul reclutamento bisogna seguire un quadro di riferimento nazionale
UIL – Il ministro Profumo passi dalle dichiarazioni di intenti ai provvedimenti necessari. I ritardi creano incertezze e confusione.

Reclutamento docenti: si può applicare la legge della domanda e dell’offerta?
Enrico Maranzana – Il Presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni il 27 gennaio scorso ha presentato un progetto di Legge Regionale “Per la crescita lo sviluppo e l’occupazione”. In particolare nell’art.5 la proposta consente alle scuole statali di reclutare il personale docente con un concorso di istituto che realizza l’incrocio diretto fra domanda e offerta.

Anche la FLC CGIL chiede un incontro sul reclutamento

Le altre notizie su www.diventareinsegnanti.orizzontescuola.it

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare