Reclutamento docenti, Valditara conferma: “Da giugno al via le procedure per oltre 100mila assunzioni, 20mila sul sostegno”

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito, guidato dal Ministro Giuseppe Valditara, è attivamente impegnato nel risolvere il problema del precariato, che affligge da tempo il sistema scolastico.

A partire dal mese di giugno, il Ministero avvierà un significativo percorso di assunzioni che coinvolgerà quasi 100.000 insegnanti. Questa notizia, già annunciata nelle scorse settimane, è stata confermata dal Ministro durante la sua visita ad Alassio.

Questo imponente piano di assunzioni rappresenta un passo importante verso la stabilizzazione del corpo docente e la riduzione del precariato.

Il Ministro Valditara, in un colloquio con i giornalisti, ha fornito ulteriori dettagli sul piano di assunzioni: “Quasi 20 mila sul sostegno – ha poi specificato – con l’obbligo di rimanere sulla cattedra per 3 anni. Questo impegno garantirà una continuità didattica fondamentale per gli studenti che necessitano di supporto.

In aggiunta, ci saranno altre 38.000 assunzioni che avverranno attraverso lo scorrimento di graduatoria. Questo metodo permetterà di valorizzare i docenti che hanno già maturato esperienza e competenze, ma che sono ancora in attesa di un contratto stabile. Infine, il Ministro ha annunciato che 35.000 assunzioni saranno finanziate attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Questo strumento, ideato per sostenere la ripresa del Paese dopo la crisi pandemica, contribuirà in maniera significativa alla stabilizzazione del settore dell’istruzione.

Nelle intenzioni del Ministero l’ambizioso piano di assunzioni rappresenta un passo importante in questa direzione, con l’obiettivo di garantire stabilità e continuità didattica a tutti gli studenti italiani.

Immissioni in ruolo docenti: perché il Ministro ha parlato di 100mila nuove assunzioni?

Il piano straordinario per il prossimo anno conterà circa 56mila docenti

Sostegno

19.472 docenti di sostegno, di cui:

  1. 17.126 con la procedura speciale di assunzione dalle graduatorie provinciali per le supplenze;
  2. 2.347 con scorrimento di altre graduatorie vigenti.

Le assunzioni per questi nuovi docenti prevedranno la stipula di un contratto a tempo determinato, trasformato in indeterminato dopo l’anno di formazione e prova, con prova finale selettiva grazie a:

  • integrazione del comitato di valutazione con componenti esterni alla scuola;
  • test finale e lezione simulata.

Per i posti eventualmente residui, si attiverà una call veloce a livello interregionale

Posti comuni

38 mila unità così suddivise:

  • 36 mila per scorrimento dei concorsi, compresi gli idonei
  • 2 mila dalle GAE.

In questo modo si arriverà a circa 56mila assunzioni  in ruolo. Da precisare: questa è la richiesta che il Ministero farà al MEF, poi bisognerà attendere la risposta.

E le altre 44mila assunzioni per arrivare ai 100mila di cui ha parlato il Ministro Valditara?

Va considerato innanzitutto che il Ministero si avvia a bandire il primo dei concorsi in attuazione del PNRR, nonostante non siano ancora attivi i percorsi abilitanti per l’acquisizione dei 30 o 60 CFU.

Questo concorso potrebbe interessare dai 25.000 ai 35.000 nuovi ruoli e le assunzioni, inevitabilmente, andranno a gravare sull’anno scolastico 2024/25.  Per il resto ci saranno ancora le graduatorie precedenti dalle quali attingere.

Si tratta sicuramente di un obiettivo che sarà possibile raggiungere se tutte le parti interessate svolgeranno le operazioni nei tempi previsti. Non possiamo certo dimenticare che il concorso ordinario 2020 dovrebbe essere completato solo nei prossimi mesi, a tre anni dalla sua indizione, complice la pandemia.

Leggi anche

Reclutamento, Valditara: “Assumeremo quasi 100mila docenti nei prossimi anni. Concorso entro estate per docenti con 3 anni di servizio o 24 cfu” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

AggiornamentoGraduatorie.it: GPS I e II fascia, calcola il tuo punteggio