Reclutamento docenti in Svizzera, selezione rigorosa: test medici e psicologici

di redazione
ipsef

Diventare insegnanti in Svizzera comporta una selezione attinente non solo alle conoscenze e competenze proprie delle discipline ma anche dei test relativi alla salute e allo stato psicologico.

E’ quanto apprendiamo da ItaliaOggi, che racconta l’esperienza di un’aspirante docente alla scuola di Pedagogia di Zurigo.

L’aspirante docente in questione narra di aver ricevuto una lettera in cui le chiedevano ulteriori informazioni prima di essere ammessa ai corsi, in quanto nel suo CV c’era qualcosa che aveva insospettito i responsabili, ossia il rapporto tra peso e altezza inferiore alla norma (che poteva dar luogo ad anoressia) e il fatto di essersi sottoposta ad una psicoterapia.

Per i motivi suddetti, la docente era stata inviata a rispondere a 140 domande, molte delle quali considerate alquanto intime: hai paura nell’iniziare una relazione di essere lasciata? Qual era la sua pressione? E il tasso di colesterolo?

Il rettore della Scuola, rispondendo alle critiche rivolte all’Istituto per i criteri di selezione, si è difeso affermando che la responsabilità nei confronti degli alunni è notevole, che la selezione dei docenti è personale e cambia da aspirante ad aspirante e che, essendo l’insegnante un modello per i ragazzi, un test medico è fondamentale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare