RAV, Fratoianni (LeU): a che serve rendere pubblici i dati sugli stranieri e lo status delle famiglie?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Sinistra Italiana – “A che serve rendere pubblici, per ogni singola scuola, i dati sullo status socio-economico delle famiglie di provenienza degli studenti? E quelli sulla percentuale di studenti stranieri? E perché viene data la possibilità di parlare del numero di studenti diversamente abili?

In teoria si chiama trasparenza, in pratica produce la mentalità aberrante che abbiamo visto nelle schede di autovalutazione denunciate da ‘la Repubblica’: scuole di serie A e serie B, divise per censo. Una porcheria, di cui l’Italia può serenamente fare a meno. ”

Lo scrive su Facebook Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali.

“Il Ministero pubblichi i dati aggregati per provincia e cancelli dal sito web – prosegue il segretario nazionale di SI – questa parte dalle schede di autovalutazione di ogni singola scuola.”

“Un provvedimento semplice e immediato, – conclude Fratoianni – che darebbe seguito anche con i fatti ai grandi proclami che ogni volta la Ministra dell’Istruzione Fedeli ci chiede di ascoltare.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione