Rapporto Bruxelles su istruzione in Italia. Puglisi, si riconosce investimento governo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Anche Bruxelles apprezza il grande investimento fatto dal governo Renzi nella scuola per dare stabilità al sistema scolastico e raggiungere gli obiettivi di riduzione della dispersione scolastica e di incremento del numero di laureati”. In particolare le nuove risorse dedicate dalla legge di bilancio per il diritto allo studio, con l’introduzione della No tax area al di sotto dei 13.000 euro isee, la riduzione delle tasse per chi ha reddito isee fino a 25.000, la stabilizzazione di 250 mln sul fondo integrativo statale e le 400 super borse da 15.000 euro netti per ragazzi meritevoli in condizioni di bisogno, realizzeranno davvero l’art 34 della costituzione non facendo diventare l’università un miraggio”. Lo afferma la responsabile Scuola del Pd Francesca Puglisi.

“Anche le misure a sostegno dell’Università e la ricerca, che andranno ad incrementare l’FFO e a dare un premio fino a 600.000 euro ai premi Erc che vorranno venire in Italia e le 500 cattedre Natta, serviranno a far tornare nel nostro Paese ricchi dell’esperienza fatta all’estero chi oggi sta fuori e a valorizzare chi merita e lavora già qui, mettendo fine alla retorica dei cervelli in fuga. L’Italia è un grande Paese e la sua ricchezza più grande è la creatività e l’ingegno dei nostri ragazzi che grazie ad un sistema scolastico, nuovamente ossigenato dalle risorse può tornare a far splendere”, conclude.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare