Rampelli (Fratelli d’Italia): “Supplenti licenziati in caso di nuovo lockdown? Scelta vergognosa”

Stampa

“Apprendiamo di una comunicazione da parte del Ministro dell’Istruzione secondo cui i docenti possono prendere  supplenza per coprire esigenze da Covid, ma al tempo stesso vi è la  possibilità che il contratto possa essere interrotto senza indennizzo  e senza preavviso qualora l’attività scolastica venisse sospesa. In  sostanza, il personale docente assunto temporaneamente può essere licenziato in qualunque momento e questo è vergognoso”.

Questo è quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

“Un’altra sciagurata pensata del Governo e del Ministero cui fa capo la Azzolina, che aggiunge caos al caos. Una situazione già drammatica  con l’assenza di banchi, spazi adeguati, mascherine e insegnanti.  Alunni e famiglie penalizzati anche da orari allucinanti, alcune  scuole fanno il tempo pieno, altre il doppio turno. Avvilente quanto  stanno subendo gli studenti disabili – oltre 280mila in Italia, il  3,3% della popolazione scolastica – costretti a casa perché mancano  insegnanti di sostegno, quando 14mila docenti specializzati sono già  abilitati a farlo ma il ministro dell’Istruzione non li ha ancora stabilizzati”, aggiunge.

“Allo stato dei fatti, le parole del premier che chiede alle forze politiche di non dividersi sulla scuola suonano come una provocazione.Conte non alzi scontro ma intervenga per colmare lacune nelle scuole italiane, a partire dal grave e inaccettabile comunicazione del Miur indirizzata ai docenti per le supplenze da Covid”, conclude il vicepresidente della Camera.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia