Scivolone di Renzi sui Quota 96 del 2012: “il problema è chi non ha lavoro”. I precari?

Di
Stampa

redazione – La questione dei Quota 96 della scuola è come una buccia di banana e va maneggiata con cura. Ha messo in difficoltà la politica e da un punto di vista dell’immagine i Quota ne escono rafforzati.

redazione – La questione dei Quota 96 della scuola è come una buccia di banana e va maneggiata con cura. Ha messo in difficoltà la politica e da un punto di vista dell’immagine i Quota ne escono rafforzati.

Bisogna, quindi, maneggiare con cura e pesare le parole. Ieri il Primo Ministro, intervenendo alla trasmissione "Millennium" su Rai3 ha affrontato la questione delle pensioni dei Quota 96 del 2012.

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 123mila

"Ci sono quattromila persone che vorrebbero andare in pensione, che ne hanno legittima aspettativa, non direi un diritto, ma il problema non sono quei quattromila, che un lavoro ce l’hanno, bensì i milioni di persone che non ce l’hanno", ha affermato.

Giusto, se si vuole sorvolare su un errore della politica che ha procrastinato di 4/5 anni la pensione a 4mila lavoratori e se si guarda solo ad un lato della medaglia.

Ma la realtà delle cose è sempre più complessa e Renzi dimentica che, dietro 4mila lavoratori della scuola che hanno una "legittima aspettativa", ci sono anche 4mila docenti che aspettano la stabilizzazione e altrettanti che attendono di poter coprire i posti con supplenze annuali.

Non si tratta di quei lavoratori precari o disoccupati di cui Renzi si preoccupa tanto?

Vedi anche

Quota 96. Renzi, "pensione legittima aspettativa non un diritto". Annuncia tagli, ma settembre sorpresa sulla scuola

Quota 96: dopo la manifestazione, contro la decisione del governo le reazioni del mondo politico

Quota 96. In pensione a metà settembre, c’è la possibilità. Renzi lavora ad una copertura per 9mila pensionamenti?

Stampa

Personale all’estero: preparati al colloquio!