Quota 96. Renzi, “è stato giusto toglierli”. Fine agosto intervento ad hoc per più di 4mila

Di
Stampa

Secondo il Premier togliere l’emendamento dal Decreto sulla Pubblica Amministrazione è stata una giusta operazione, perché  non "non c’entra nulla con la ratio della PA".

Secondo il Premier togliere l’emendamento dal Decreto sulla Pubblica Amministrazione è stata una giusta operazione, perché  non "non c’entra nulla con la ratio della PA".

Parole che potrebbero suscitare immediate polemiche, ma in realtà Renzi starebbe preparando un provvedimento ad hoc, un intervento da fine agosto.

Un intervento che, secondo i lanci di agenzia, riguarderebbe una platea superiore ai 4mila di cui l’emendamento appena stralciato si occupava.

Una notizia che si lega con quanto affermato oggi dalla Senatrice Puglisi e anticipato dal Ministro Giannini che vuole un intervento specifico.

Certo è che l’intervento a fine agosto non permette a questi docenti di andare in pensione prima dell’inizio dell’anno scolastico, ma al massimo durante l’anno in corso.

Forse avrebbero preferito avere poco a che fare con la ratio del decreto ma andare in pensione, invece di un intervento ad hc e pieno di ratio.
Vedremo se il Premier in persona riuscirà a superare i paletti piantati dalla Ragioneria dello stato.

Vedi anche

Quota 96. Appena votato l’emendamento che boccia il pensionamento ad Agosto

Non è tutto perduto

I commenti

Stampa

Personale all’estero: preparati al colloquio!