Quota 96 e pensioni prima dei 62 anni. Le novità nel Decreto Madia

Di
WhatsApp
Telegram

redazione – Pensioni scuola al centro del dibattito, sia per i Quota 96 del 2012 che per il pensionamento prima dei 62 anni di età. Quota: cosa faranno coloro che non rientrano nei 4mila pensionamenti? SNALS, "chiarire criteri per rientrarci"

redazione – Pensioni scuola al centro del dibattito, sia per i Quota 96 del 2012 che per il pensionamento prima dei 62 anni di età. Quota: cosa faranno coloro che non rientrano nei 4mila pensionamenti? SNALS, "chiarire criteri per rientrarci"

Quota 96

Ieri la Ragioneria di Stato ha posto pensati critiche all’emendamento che pensiona i Quota 96 del 2012. Perché la norma è insufficiente a contenere le richieste dei pensionamenti oltre il tetto massimo dei 4mila e perché la copertura finanziaria è insufficiente. Spetterà alla V commissione trovare una soluzione. Vedi l’articolo.

Nel contempo, però, si lavora al Decreto che dovrà pensionarli e si mettono a punto le procedure. In particolare l’Inps avrà il compito di stilare l’elenco di coloro che andranno in pensione in modo da far rispettare il tetto massimo dei 4mila pensionamenti consentiti.

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 120mila

E qui subentra la Ragioneria dello Stato che teme l’allargarsi della platea e l’innescarsi di contenziosi. Ma anche lo SNALS che, durante un incontro con il Ministero ha posto dei dubbi sulla formulazione dell’emendamento nel caso del superamento di 4mila domande. Non si comprende, afferma lo SNALS se "prevalga il tempo di arrivo della domanda all’INPS o il possesso della somma più elevata derivante da anzianità contributiva ed età e come ci si comporti in caso di requisiti pari da parte degli aspiranti".

Ma cosa accadrà al personale della scuola che fatta domanda, non rientrerà nei 4mila?

A dare risposta l’On Ghizzoni su FaceBook "resteranno al lavoro (almeno per il momento)". Sì, perché l’operazione Quota 96 è un una tantum, ma potrebbe anche trovarsi una soluzione per coloro che non rientrando nel numero avranno comunque diritto al pensionamento.

Pensione prima dei 62 anni

Un’altra delle modifiche che potrebbero essere apportate se il Decreto Madia vedrà la luce, potrebbe essere quella del pensionamento pima dei 62 anni.

Chi vorrà ci potrà andare senza penalizzazioni, eliminando quanto previsto dalla legge Fornero relativamente al computo ai fini pensionistici delle "prestazioni effettive di lavoro".

L’emendamento prevede che per maturare i 41 anni e sei mesi di anzianità (per le donne) e 42 anni e sei mesi (per gli uomini), necessari per la pensione di anzianità, si potrà tenere conto di tutto l’arco di vita lavorativa, compresi i giorni di sciopero, congedo matrimoniale, maternità facoltativa, e così via, senza penalizzazioni se non si raggiungono i 62 anni di età.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito