Quota 96. Domani manifesteranno in piazza. C’è pericolo di rinvio a fine anno

Di
Stampa

Ieri vi abbiamo anticipato che, probabilmente, di Quota 96 al Consiglio dei Ministri di venerdì non se ne parlerà. Nel frattempo i COBAS si sono dati appuntamento a Roma, in Piazza Santi Apostoli, giorno 29 in occasione del CdM.

Ieri vi abbiamo anticipato che, probabilmente, di Quota 96 al Consiglio dei Ministri di venerdì non se ne parlerà. Nel frattempo i COBAS si sono dati appuntamento a Roma, in Piazza Santi Apostoli, giorno 29 in occasione del CdM.

Non ci sarà provvedimento giorno 29, così vorrebbero alcuni docenti presenti due giorni fa al Meeting di Comunione e Liberazione al quale ha partecipato anche la Giannini. Ma i COBAS non demordono e saranno a manifestare in piazza insieme ai Quota 96 e ai docenti precari che attendono la liberazione di 4mila cattedre.

La copertura finanziaria è sempre al centro delle difficoltà per pensionare i Quota 96 e per affrontare lo scoglio, sta avanzando la proposta di un pensionamento scaglionato, permettendo più finestre per andare in pensione.

Ciò permetterebbe di scaglionare anche la copertura finanziaria rendendola meno "traumatica" per le casse dello Stato.

Un’altra delle ipotesi circolanti vorrebbe il Governo affrontare la questione dei Quota 96 a fine anno, in occasione della Legge di stabilità, nella quale potrebbero essere affrontate varie questioni riguardanti le pensioni, tra le quali anche quella degli esodati.

I Quota 96, sono disposti a procrastinare ulteriormente il loro pensionamento? Di sto passo andranno in pensione naturalmente con i requisiti Fornero, altro che riparare una ingiustizia.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur