Quota 96, COBAS chiedono pensionamento con riserva. Dal Governo segnali positivi

Di
WhatsApp
Telegram

redazione – 70 lavoratori della scuola in rappresentanza dei Quota 96, ieri, hanno presidiato Montecitorio per protestare contro lo stralcio dell’emendamento presente nel Decreto Madia che ne permetteva il pensionamento a fine Agosto.

redazione – 70 lavoratori della scuola in rappresentanza dei Quota 96, ieri, hanno presidiato Montecitorio per protestare contro lo stralcio dell’emendamento presente nel Decreto Madia che ne permetteva il pensionamento a fine Agosto.

Durante il presidio, dicono i COBAS, sono intervenuti parlamentari dell’opposizione che hanno chiarito che la copertura finanziaria proposta non era sicura e per questo l’emendamento è stato cassato.

Anche se è stato approvato un ordine del giorno, su proposta di Di Salvo di LED, che impegna il Governo ad emanare un D.L. che risolva la questione Quota 96 entro agosto.

Tra le proposte avanzate c’è anche quella di chiedere al Ministero una circolare con un modello di domanda di pensione con riserva, rivolto a tutti i Quota 96, prevedendo anche la possibilità di permanere ancora qualche anno in servizio, conservando il diritto di andare in pensione con le norme prefornero.

Secondo quanto scrivono i COBAS sul proprio comunicato, l’On Fedriga della Lega Nord avrebbe incontrato il Ministro Padoan per presentare la proposta e la risposta sarebbe stata di interesse.

In questo modo, leggiamo dal Comunicato COBAS, si "risolverebbe il problema delle incertezze sui numeri dei lavoratori aventi diritto e sulle coperture necessarie".

No a Quota 96: il governo blocca il pensionamento

Pensione Quota 96, Farigu: “Retromarcia del Governo vigliaccata in piena regola. Parlare di ‘prepensionamento’ ci fa accapponare la pelle!”

Quota 96: approvato ordine del giorno, fine agosto provvedimento. Parere RGS non un’opinione

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito