Pensioni quota 100, per impiegati pubblici regole diverse. Ecco quali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Come accennato ieri dalla nostra redazione, ci saranno delle modifiche alla riforma delle pensioni quota 100 per quanto riguarda il pubblico impiego

Decreto ad hoc

Innanzitutto la riforma non sarà nella legge di bilancio, dove saranno indicate soltanto le coperture finanziarie. La vera e propria riforma sarà inserita in un “Pacchetto pensioni” che normerà soltanto l’uscita degli impiegati pubblici, scuola inclusa.

Ecco le anticipazioni della bozza del Decreto

I lavoratori pubblici che maturano, entro quest’anno, il diritto ad andare in pensione con quota 100 (con un minimo di 62 anni di età e 38 di contributi) potranno avere l’assegno a partire dal primo luglio 2019.

Inoltre, a fronte di requisiti maturati dal primo gennaio 2019 “il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico è conseguito trascorsi sei mesi dalla data di maturazione dei requisiti”.

Questo quanto si legge nella bozza del “pacchetto pensioni”

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione