Quota 100, dall’Inps i primi dati sulle domande. Rivolgiti a Cedan S.r.l.s per la compilazione

di redazione

item-thumbnail

Messaggio sponsorizzato – L’Inps ha diffuso i dati sui primi giorni di presentazione delle domande per aderire a Quota 100. Un anticipo pensionistico che riguarda anche i lavoratori della scuola. Per comprendere i meccanismi di calcolo della riduzione dell’assegno è utile rivolgersi a Cedan S.r.l.s.

Via alle domande Quota 100 per il nuovo sistema pensionistico, misura cardine della legge di bilancio 2019 del Governo: consente ai lavoratori italiani, tra il 2019 e il 2021 in via sperimentale, di andare in pensione anticipata a 62 anni di età e con almeno 38 anni di contributi versati.

L’Inps ha reso noti i primi dati ufficiali sul numero di domande presentate nei primi giorni a disposizione (il testo del decreto legge è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio ed entrato in vigore il giorno successivo). Le maggiori adesioni, come scrive la stampa specializzata, sono fra gli uomini (il 62,6% del totale, contro il 37,4% delle donne) e al nord (il 42,2% del totale, contro il 24,7% del Centro e il 33% di Sud e Isole).

Quota 100 riguarda anche i lavoratori della scuola. Da capire, con l’adesione all’anticipo pensionistico, quanto si potrebbe perdere del valore dell’assegno percepito. Un dato correlato ai contributi versati. Infatti chi farà domanda con quota 100 pura (62 anni di età e 38 di contributi) rischia di perdere molto. Questo perché l’anticipo avviene rispetto all’età di vecchiaia fissata nel 2019 a 67 anni e alla pensione anticipata attuale per cui sono necessari 42 anni e 10 mesi di contributi. È chiaro che verranno a mancare i versamenti dei contributi dovuti all’anticipo quota 100, con penalizzazione fino a 200 euro di rateo pensione e 3 mila euro di liquidazione per ogni anno in meno rispetto all’attuale limite di vecchiaia.

Contatta la sede Cedan S.r.l.s. più vicina e visita il sito internet della struttura. Chiedi un’informazione o una consulenza anche via e-mail all’indirizzo [email protected] oppure chiama il numero 091 7098356.

Versione stampabile
Argomenti: