Questo concorso s’ha da fare! Lettera

Stampa

Inviato da Valeria Dosso – Sono una docente precaria, come tanti in Italia.

Premesso che non ho approvato molte scelte della ministra Azzolina, ma mi rivolgo a tutti coloro che chiedono a gran voce il rinvio: il concorso è partito e si deve fare!

È da maggio che se ne parla, le iscrizioni ormai chiuse da tempo, le commissioni pronte, così come aule, spazi e calendario. Ci sono persone che studiano da mesi perché questa è l’unica possibilità concreta che si sia presentata da anni (non so quanto fattibile e ben strutturata, ma di fatto è l’unica).

Si parla di spostamento in massa di migliaia di persone ma quello che non si dice è che le prove concorsuali sono state scaglionate apposta in molte giornate (dal 22 ottobre al 16 novembre!), quindi gli spostamenti non avverranno tutti in un unico momento, e le aule sono in sicurezza (nell’istituto dove svolgerò la prova saremo in 9!!).

L’unica cosa che avrei modificato è ovviamente la previsione di prove suppletive, per docenti in quarantena o malati che non potranno partecipare per cause indipendenti dalla loro volontà.
Basta parlare di rinvio, il concorso è partito ed è partito in sicurezza: ormai s’ha da fare!

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia