Se questa è Buona Scuola…Lettera

WhatsApp
Telegram

Buongiorno, mi trovo qua a scrivere di domenica mattina per cercare di trovare un senso a tutto ciò…Sono una insegnante di Scuola dell’Infanzia che come ogni anno e come tante altre docenti, si trova ad organizzare al meglio l’anno scolastico con le poche risorse che ci sono. Anche quest’anno il tanto acclamato potenziamento per la scuola dell’Infanzia è andato nel dimenticatoio e siamo rimasti a gestire tutto con tanta buona volontà e ore regalate ai nostri alunni (perché solo a loro io regalo il mio tempo e a nessun altro!!) affinché tutto proceda nei migliori dei modi, soprattutto nella delicata fase dell’inserimento.

Venerdì scorso siamo state convocate per suddividere equamente le ore di sostegno dedicate ai bambini con difficoltà; “Bene” ho pensato, ” almeno quest’anno la nostra dolcissima E. di appena 4 anni avrà qualche ora in più come richiesto, visto che l’anno scorso abbiamo fatto giochi di prestigio e impossibili orari per assicurare a lei e alla sezione una qualità formativa piena e stimolante!”

Purtroppo però le cose non sono andate come speravo..in conclusione, E. (per cui si sono chieste 25 ore dall’Umee di riferimento) ha diritto ad appena 13 ore di sostegno su 40 di frequenza a scuola! L’educatrice, figura indispensabile per noi insegnanti, ha visto ridotto di 6 ore il suo monte orario e si dovrà dividere tra 3 casi sparsi nelle scuole della nostra città. Insomma ci siamo trovate davanti un muro di difficoltà e un senso di impotenza tale che venerdì sera sono tornata a casa e, appena aperto il portone, le lacrime di rabbia hanno preso il sopravvento ! Non mi succedeva dai tempi in cui andavo all’università, lavoravo come educatrice di nido e crescevo i miei figli contemporaneamente!! Questo lavoro l’ho voluto, desiderato e sognato, lo faccio da anni e da anni, vedo e sento governi e ministri con belle parole. Le ultime belle parole sono state queste : LA BUONA SCUOLA!!

Ora chiedo, a nome di tutte le insegnanti, dove stia la bontà di una scuola che dimentica i più deboli, che non coglie la possibilità di includere e integrare tutti, che perde la possibilità di migliorare e migliorarsi..io mi chiedo dove sia questa buona scuola che guarda solo ai possibili tagli da fare sulla pelle dei nostri bambini e della nostra amata Scuola con la S maiuscola!

Chiedo, semmai il Ministro Fedeli abbia la possibilità di leggere questa lettera, o chi per lei, possa rispondere non più solo a parole, ma a fatti! Prendetevi carico di queste situazioni perché,volente o nolente, le avete create anche voi.

E come “voi” , giustamente controllerete e valuterete il nostro operato, altrettanto faremo noi con questo mondo burocratico e governativo sempre più lontano dalla realtà!

Aspettando cortese risposta, vi auguro Buona domenica.

Chiara Baldassarini.

Il mondo della scuola spera, combatte, barcolla, ma di sicuro non si arrende!

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito