Quando Conte parlò di ricatto dei sindacati: “Se fate fare il concorso, noi non facciamo partire la scuola”

WhatsApp
Telegram

Hanno fatto discutere e non poco le parole della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che, in un’intervista a La Repubblica, ha parlato di sabotaggio da parte dei sindacati.

Le parole della ministra hanno suscitato tanto clamore, ma anche il premier Giuseppe Conte pronunciò le stesse parole contestate oggi ad Azzolina.

Secondo quanto riporta Concita De Gregorio, su La Repubblica, durante una riunione tenutasi al Ministero dell’Istruzione lo scorso 23 luglio, Conte disse che si era di fronte ad un ricatto inaccettabile dei sindacati: “Se fate fare il concorso, noi non facciamo ripartire la scuola”.

Cosa voleva intendere il presidente del Consiglio? “Ci sono tanti modi per “ricattare, – riporta Repubblica – chiedendo ai propri iscritti di mettersi in aspettativa, sollecitando l’invio in massa di diffide preventive ai dirigenti scolastici, sollevando per via burocratica questioni che bloccano di fatto la possibilità di ripartire”.

Quella volta che Conte chiamò Azzolina: “Guarda i sondaggi, muoviamoci per tempo, la scuola è la priorità”

Leggi anche

Ritorno in classe, Azzolina all’attacco: “Si riparte il 14 settembre, ma nel sindacato c’è chi rema contro”

Ritorno in classe, Azzolina: “Nessun bimbo sarà prelevato da autorità sanitarie, fake news gigantesca”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur