Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Quale pensione conviene, opzione donna o anticipata?

Pensione Opzione donna

Conviene accedere alla pensione con l’opzione donna? Non sempre, vediamo perchè.

Sono del 1961, ho 39  anni di contributi, e iniziato a lavorare a 14 anni. Quando andrò in pensione? Mi conviene opzione donna?

Con 58 anni di età e 39 anni di contributi potrebbe accedere all’opzione donna attendendo la finestra di 12 mesi dal compimento dei 58 anni. Ma deve sapere che scegliendo questa alternativa rischia di perdere fino al 30% del suo assegno pensionistica a causa della penalizzazione che il regime sperimentale comporta con il ricalcolo interamente contributivo.

Dovendo in ogni caso attendere diversi mesi (non so quando ha compiuto i 58 anni) e continuando in tale periodo a maturare i contributi, non sarebbe meglio attendere di maturare i 41 anni e 10 mesi di contributi accedendo, poi, alla pensione anticipata calcolata senza penalizzazione e nel rispetto del periodo in cui sono stati versati i contributi?

Se ha più di 18 anni di contributi versati prima del 1 gennaio 1996, infatti, i contributi versati fino alla fine del 2011 saranno conteggiati con il sistema retributivo (più conveniente economicamente) e solo quelli versati dal 2012 con il sistema contributivo.

Se, invece, ha meno di 18 anni di contributi versati prima del 1 gennaio 1996, tutti i contributi versati prima di tale data rientrano nel sistema retributivo  e i contributi versati dal 1 gennaio 1996 con il sistema contributivo.

Nel suo caso, che andrebbe ad anticipare solo di 2 anni rispetto alla pensione anticipata, quindi, l’opzione donna sicuramente non conviene.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste