Nuovi percorsi istruzione professionale, modifiche a classi di concorso e quadri orario. Nota Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur, con nota n. 6913 del 19 aprile 2018, ha trasmesso la bozza dei quadri orario, con relativa individuazione delle classi di concorso, relativi al primo biennio degli indirizzi di studi dei nuovi percorsi di istruzione professionale, secondo quanto stabilito dal decreto legislativo n. 61/2017.

Istituti professionali, quante ore per ogni classe di concorso e assi culturali. Nota Miur

Con successiva nota del 14/06/2018 l’Amministrazione ha indicato le principali  integrazioni e modifiche apportate:

– l’insegnamento TIC è attribuito anche la classe di concorso A-40, limitatamente agli indirizzi in cui sono confluiti i percorsi del previgente ordinamento per i quali tale insegnamento era già attribuito alla suddetta classe di concorso, secondo le disposizioni del d.P.R. 19/2016 e del D.M. 259/2017 . L’assegnazione del suddetto insegnamento alla predetta classe di concorso potrà avvenire, tuttavia, esclusivamente al fine di evitare potenziali situazioni di soprannumerarietà per l’anno scolastico di riferimento, nei riguardi dei docenti di tale classe di concorso già presenti
nell’organico dell’istituto e assegnati ai suddetti percorsi;
– nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”, l’attribuzione all’insegnamento “Laboratori tecnologici ed esercitazioni” del monte ore pari a n. 330/396 ore, in luogo del monte ore di n. 396;
– nell’indirizzo “Industria e artigianato per il made in Italy”, l’attribuzione
all’insegnamento “Laboratori tecnologici ed esercitazioni” del monte ore pari a n. 330/396 ore, in luogo del monte ore di n. 396;
– nell’indirizzo “Gestione delle acque e risanamento ambientale”, l’assegnazione all’insegnamento “Tecnologie delle risorse idriche e geologiche” della classe di concorso A-42 in luogo della classe di concorso A-32 e l’aggiunta, tra le compresenze, della classe di concorso B-15, coerente con la classe A-42;
– nell’indirizzo “Enogastronomia e ospitalità alberghiera”, la previsione, tra le classi di  concorso degli ITP in compresenza negli insegnamenti contraddistinti con la nota (1), delle classi B-19 e B-21, cui, tuttavia, si potrà ricorrere esclusivamente al fine di evitare, agli ITP di tali classi di concorso già presenti nell’organico dell’istituto, potenziali situazioni di soprannumerarietà per l’anno scolastico di riferimento;
– nell’indirizzo “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie: Odontotecnico”, la previsione della nota (1) in corrispondenza dell’insegnamento “Anatomia Fisiologia igiene”, al fine di prevedere la compresenza di un ITP.
Versione stampabile
anief anief
soloformazione