Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Punteggio di continuità: il docente in utilizzazione non interrompe la continuità e non perde i punti maturati

Stampa

Il docente in utilizzazione conserva il punteggio  di continuità maturato nella scuola di titolarità. I criteri di valutazione non cambiano

Una lettrice ci scrive:

Sono una docente di scuola secondaria di primo grado, titolare di servizio nella stessa scuola dal 2016/17 ma in utilizzazione sul sostegno in altra scuola dall’anno scolastico 2018/19. Chiedo se posso usufruire del punteggio aggiuntivo per numero di anni di servizio di ruolo prestati senza soluzione di continuità nella scuola di attuale titolarità (all. F) per gli anni scolastici 2016/17; 2017/18; 2018/19

Il punteggio di continuità maturato dal docente nella scuola di titolarità si valuta per il servizio continuativo prestato per la stessa classe di concorso e tipologia di posto

Il punteggio maturato si perde in seguito a mobilità volontaria, quindi se si ottiene il trasferimento o il passaggio richiesto.

Anche la mobilità annuale può avere ripercussioni sul punteggio maturato, a seconda del movimento ottenuto

In che modo la mobilità annuale influisce sul punteggio di continuità

La mobilità annuale comprende due tipologie di movimenti: l’utilizzazione e l’assegnazione provvisoria. I due movimenti annuali hanno effetti diversi sul punteggio di continuità

L’assegnazione provvisoria interrompe la continuità e fa perdere il punteggio maturato.

Fanno eccezione i docenti trasferiti nell’ottennio quale soprannumerari che hanno chiesto, in ciascun anno dell’ottennio medesimo, il rientro nell’istituto di precedente titolarità. In quest’ultimo caso, come chiarisce la nota 5) del CCNI sulla mobilità, l’aver ottenuto assegnazione provvisoria interprovinciale determina comunque la perdita del punteggio di continuità a partire dalla mobilità del 2020/2021, mentre continua a permanere il diritto di rientro.

L’utilizzazione, invece, non fa perdere il punteggio di continuità maturato e l’anno di servizio svolto in utilizzazione viene valutato come svolto nella scuola di titolarità ai fini della valutazione della continuità

Conclusioni

La nostra lettrice potrà, quindi, valutare ai fini della continuità il triennio 2016/17 –  2017/18 – 2018/19, anche se è in utilizzazione in altra scuola dall’anno scolastico 2018/19.

Ai fini della mobilità (per la quale è necessario aver maturato un triennio) e per la graduatoria interna di istituto (per la quale è sufficiente aver maturato un solo anno),  le spettano, quindi,  2 punti di continuità per ogni anno maturato, per un totale di 6 punti

https://www.orizzontescuola.it/mobilita-insegnanti-2020-guide-consulenza-online-e-faq-di-orizzontescuola/

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche