Punizioni agli studenti: la Cina adotta un regolamento per i docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Cina adotterà un rigoroso codice di condotta per gli insegnanti delle scuole elementari e medie che eviti abusi e sia condiviso da tutte le componenti della scuola, dai genitori agli docenti.

Il regolamento vieta punizioni che causino dolore fisico, come le percosse, o violino la dignità degli studenti, come insulti o atti discriminatori o offensivi. Le punizioni consentite agli insegnanti si dividono in tre categorie, in base al livello di gravità della violazione. Sarà consentito rimproverare gli studenti davanti a tutti, costringerli a stare in piedi, fino al massimo della durata di una lezione, o sospenderli dalla classe fino a una settimana.

Il ministero chiede inoltre alle scuole di preparare i propri regolamenti e codici disciplinari in maniera conforme al fine di chiarire le regole per gli insegnanti nell’adozione di misure disciplinari nei confronti dei propri studenti.

I cittadini possono presentare i propri pareri sul regolamento attraverso il sito web www.chinalaw.gov.cn e tramite posta o e-mail entro il 22 dicembre 2019.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione