Pulizia scuole, M5S: Governo proroga appalti, nonostante ammonimenti Antitrust e Anac. Necessario internalizzare servizi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato M5S – “Sull’affidamento dei servizi di pulizia e manutenzione nelle scuole abbiamo assistito all’ennesima, scandalosa, proroga degli appalti.

Nella manovra sono stati stanziati ulteriori 64 milioni di euro rispetto a quanto già previsto che, tra l’altro, saranno prelevati dal fondo per il miglioramento dell’istruzione. Anche in questa occasione, così come facciamo da anni, abbiamo chiesto l’internalizzazione del servizio attraverso emendamenti respinti con motivazioni pretestuose. La verità è che questo governo, così come i precedenti, non vuole chiudere questo carrozzone che munge fondi pubblici e lede la dignità dei lavoratori del comparto”.

Così i parlamentari del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura di Camera e Senato.

“La dichiarazione di inammissibilità per materia dei nostri emendamenti, a prima  firma della collega Maria Marzana, è avvenuta nonostante nella manovra venisse affrontata anche questa tematica. Un abuso dello strumento di ammissibilità che getta un’ombra sulla gestione del suo ruolo da parte del Presidente di Commissione, Francesco Boccia.

A nulla fino ad ora sono serviti gli ammonimenti di Antitrust e Anac rispetto alla proroga degli appalti e sulla creazione di un cartello ai danni della libera concorrenza da parte dei maggiori consorzi di servizi nel settore che ha portato a un’inchiesta della Procura di Roma per turbativa d’asta nei confronti dei vertici di questi consorzi nell’ambito del mega appalto Consip da 1,6 miliardi di euro del 2012.

Ieri davanti a Montecitorio c’ stata l’ennesima manifestazione dei lavoratori di questi consorzi, che continuano ad essere sottoposti a condizioni di sfruttamento. Una situazione rispetto alla quale il MoVimento ha presentato una proposta di Legge che rappresenta l’unica via d’uscita da questo pantano nel quale gli ultimi governi si stanno trascinando. Una Pdl che prevede internalizzazione dei servizi di pulizia nelle scuole, sblocco dei posti accantonati, assunzione in organico del personale tramite procedura di selezione pubblica – una procedura che tuteli chi è inserito in graduatoria da molti anni e quanti abbiano maturato l’esperienza nelle scuole nell’ambito di questi appalti- ”.

MoVimento 5 Stelle Camera dei Deputati
Ufficio Comunicazione

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione