Pulizia nelle scuole. Il Movimento 5 stelle denuncia una situazione da “Terzo mondo”

di redazione
ipsef

red – Questo il termine utilizzato in un comunicato stampa nel quale si riferisce di una interpellanza parlamentare dove si denunciano i disservizi causati dalla esternalizzazione del servizio di pulizia. Una spesa di 290 milioni.

red – Questo il termine utilizzato in un comunicato stampa nel quale si riferisce di una interpellanza parlamentare dove si denunciano i disservizi causati dalla esternalizzazione del servizio di pulizia. Una spesa di 290 milioni.

Ma un servizio, a detta del Movimento, che lascia a dir poco a desiderare "a causa di turni insufficienti a garantire al pulizia delle scuole, con la conseguenza che, per garantire il decoro degli istituti scolastici, o i lavoratori devono operare oltre il proprio orario di lavoro, senza retribuzione, o le scuole restano sporche"

Non solo, i sindaci , denunciano di deputati del M5S, a volte sono costretti anche a chiudere le scuole per disinfestazione straordinaria.

Come il caso che viene documentato dai deputati della Commissione Cultura Simone Valente, Gianluca Vacca e Sergio Battelli, che si sono recati proprio a Mira (Venezia) e in altri comuni limitrofi, attraverso un video.

"La situazione che hanno trovato nelle scuole di Mira e di alcuni comuni limitrofi – recita il comunicato – è a dir poco scandalosa: aule che non vengono pulite da prima delle vacanze natalizie, alunni con problemi respiratori impossibilitati a recarsi a scuola, classi vuote perché i genitori si rifiutano di mandarci i figli, insegnanti costrette a svolgere le attività scolastiche o all’aperto o nei corridoi o in aule ‘di fortuna’."

"Una situazione incivile e inaccettabile, – conclude il comunicato – rispetto alla quale da mesi abbiamo proposto, quale soluzione, la destinazione dei 290 milioni oggi utilizzati per le ditte esterne ai collaboratori interni, quelli assunti attraverso le graduatorie ATA."

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione