Pulizia, disinfezione e sanificazione: in allegato di pulizia schede relative agli ambienti scolastici

WhatsApp
Telegram

La sistematica pulizia dei locali scolastici che, nel recentissimo passato, è stata super attenzionata a causa della pandemia da Covid19, determina, inutile ribadirlo, numerosi benefici. In primis rende salubre i luoghi in cui il personale docente, ATA e gli stessi alunni, naturalmente, passano buona parte delle loro giornate; congiuntamente fornisce all’utenza ivi compresi i genitori una eccellente impressione di come avviene la gestione dell’organizzazione della scuola. Ultimo aspetto che, in questo caso è tutt’altro che trascurabile, riguarda l’aspetto educativo. Ecco perché, moltissime scuole, adottano e hanno adottato, ancor prima della pandemia, un documento regolamentare da intendersi e classificarsi come strumento pratico per il personale addetto alle pulizie.

Cosa deve prevedere lo strumento regolamentare

L’apposito regolamento dovrebbe contenere informazioni di base di tipo igienico sanitario e descrivere, in maniera molto puntuale e precisa, quelle che sono (o dovrebbero essere) le corrette procedure di pulizia degli ambienti e degli arredi. In pandemia abbiamo parlato anche di sanificazione. Detta procedura di fatto non dovrebbe essere, per nessuna ragione, abbandonata. Non tutte le operazioni di pulizia, naturalmente, devono essere svolte giornalmente. Ecco perché sarebbe utile che tali documenti contenessero apposite schede relative a ogni ambiente, determinando i tempi e le regole esecutive. Dovrebbero essere concepite, tali schede, come strumento per la corretta gestione delle pulizie. Infatti, come risaputo, ogni lavoro necessita dell’assunzione di responsabilità da parte di chi lo esegue; ecco perché le schede farebbero bene a prevedere, sempre e comunque, la firma del lavoratore. Come per ciascuna tipologia di lavoratore, anche i lavoratori che sono addetti alle pulizie hanno il sacrosanto diritto alla tutela della sicurezza. A tal fine si ricorda che ogni eventuale protocollo dovrebbe indicare i “Dispositivi di Protezione Individuale” che il datore di lavoro, nel caso specifico proprio il Dirigente Scolastico, dovrebbe assegnare agli stessi, cataloga i prodotti in uso, i rischi noti nel manipolo e nell’uso di questi prodotti, che dovrebbero essere inventariati nelle apposite schede di sicurezza.

L’autocontrollo

Il regolamento che ciascuna scuola dovrebbe prevedere, come di fatto lo prevede l’ottimo strumento regolamentare adottato dall’Istituto Tecnico Statale “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di Partinico (PA) diretto brillantemente dal dirigente scolastico prof. Angelo Nasca, anche l’autocontrollo. Detto autocontrolli è adeguato e necessario per evidenziare rapidamente le criticità delle operazioni attuate, in modo da permettere il miglioramento.

Normativa utile

D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

La scelta delle protezioni

Per le attività di pulizie, sanificazione e disinfezione in ambiente scolastico, le protezioni per i lavoratori sono relative quasi esclusivamente all’uso di prodotti per la pulizia, alla protezione da eventuali contatti o schizzi di secrezioni organiche. Dovrebbero essere forniti:

  • guanti
  • visiere
  • calzature.

Consegna dei dpi

I DPI devono essere consegnati dal Datore di lavoro o ai dipendenti in ragione delle caratteristiche dei dispositivi stessi e all’uso che ciascun lavoratore ne fa durante l’attività lavorativa. Al personale, ancora, devono essere assegnati i DPI nel momento in cui è terminata la scorta personale assegnata o su richiesta del lavoratore nel caso di malfunzionamento o di rottura.

Schede degli ambienti

Le schede degli ambiente che alleghiamo all’articolo, sono un utile strumento realizzato dall’Istituto Tecnico Statale “Carlo Alberto dalla Chiesa” di Partinico. Tali schede, di fatto, riepilogano le fasi da attuare in ciascun locale di una scuola. Esse devono essere affisse in ogni locale dell’Istituzione Scolastica in modo che possano essere utilizzate come promemoria. La loro consultazione potrà evitare errori nella successione delle operazioni di pulizia e nell’uso dei prodotti e delleattrezzature.

Principali schede relative agli ambienti scolastici

Le principali schede degli ambienti della scuola sono quelle elencate a seguire:

  • Aule didattiche;
  • Aree esterne all’edificio;
  • Corridoi;
  • Servizi igienici;
  • Biblioteche o sale studio;
  • Uffici amministrativi;
  • Palestra/Spogliatoi;
  • Laboratori;
  • Mense e refettori.

WhatsApp
Telegram

“Apprendimento innovativo”, un nuovo ambiente che permette al docente di creare un’aula virtuale a partire da una biblioteca didattica di contenuti immersivi. Cosa significa?