Puglia, flop del progetto “Tutto a scuola”. UIL: impiegare fondi per il tempo pieno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato – “Il progetto “Diritti a Scuola” volta pagina, cambia nome, ma non produce i risultati sperati e fa un flop purtroppo annunciato. Come avevamo denunciato più volte, infatti, il progetto che ora si chiama “Tutto a Scuola” andava sburocratizzato, al fine di renderlo uno strumento di contrasto realmente efficace nei confronti del fenomeno della dispersione scolastica, una piaga che continua ad affliggere il territorio regionale e che non accenna a frenarsi”.

Lo dichiara Gianni Verga, Segretario generale della UIL Scuola Puglia.

“La dispersione scolastica ha ormai superato i livelli di guardia in Puglia – spiega – con percentuali ampiamente al di sopra di quelle nazionali, vicine al 20%. Ecco perché ritenevamo e riteniamo ancora fondamentale agevolare i processi di finanziamento e rendicontazione, anche in considerazione del fatto che, data la scarsezza di risorse nazionali, i fondi di Diritti a Scuola sono a questo punto indispensabili”.

“Così – conclude il segretario della UIL Scuola regionale – vanno in fumo quasi 20 milioni di euro su 25 stanziati che, a questo punto, chiediamo di reimpiegare nel tempo pieno e in servizi a domanda individuale. Sarà questa la nostra proposta, che sottoporremo all’assessore Leo e che, ci auguriamo, venga presa in considerazione per non penalizzare ulteriormente il già martoriato sistema scolastico pugliese”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione