Pubblicato il DPCM abilitazioni: Anief chiederà accesso senza selezione per tutti i docenti con 3 anni di servizio o in possesso di altra abilitazione

WhatsApp
Telegram

E’ stato pubblicato ieri il nuovo DPCM che regola la formazione iniziale dei docenti della scuola secondaria di I e di II grado per il posto comune.

Il testo definitivo del Decreto, già trasmesso ai sindacati in forma di bozza nei mesi scorsi per l’informativa, non contiene sostanziali modifiche e per questo motivo il sindacato Anief esprime forti perplessità rispetto al testo definitivo.

Primo tra tutti per i costi, rimasti a 2.500 Euro per i corsi da 60 CFU e 2.000 Euro per i percorsi da 30 o 36 CFU: “È sbagliato far pagare i dipendenti della scuola per formarsi – commenta il presidente Anief Marcello Pacifico – tanto è vero che nel nuovo contratto abbiamo fatto inserire una specifica in base alla quale la formazione dovrà essere gratuita e se supera un certo numero di ore retribuita; far pagare per abilitarsi e andare a ricoprire posti che il Ministero deve coprire con le nuove assunzioni a nostro avviso è un controsenso”.

 

Che ci sia un percorso abilitante stabile è, comunque, un passo avanti rispetto alla situazione di stallo precedente, questo è comunque un primo passo verso la tutela dei diritti dei precari e dei tanti docenti di ruolo ingabbiati che fanno mandare avanti la scuola: grazie anche agli emendamenti approvati nel decreto 75 PA bis, infatti, si aprono i corsi abilitanti a chi ha svolto 36 mesi, ai vincitori del concorso straordinario bis, ai docenti delle paritarie, a quelli dei centri di formazione e ai docenti ingabbiati che potranno accedere ai percorsi abilitanti “ridotti” di 30 CFU. Ma dovranno comunque pagare l’abilitazione e questo continua a non essere accettabile visto che avevamo chiesto espressamente di calmierare i prezzi in modo consistente”.

 

Con la futura legge di bilancio, comunque, il nostro sindacato lavorerà per ottenere un accesso diretto e senza selezione riservato a tutti i docenti con almeno 3 anni di servizio e a tutti i docenti già in possesso di altra abilitazione.

La “riserva” innalzata al 45% per il primo anno e al 35% per gli altri due anni non è comunque sufficiente a sanare l’ingiustizia perpetrata per anni ai lavoratori della scuola che non hanno potuto conseguire un’abilitazione cui avrebbero avuto diritto.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri