PSP (Partigiani della Scuola Pubblica): Governo Renzi e PD continuano a discriminare gli insegnanti

WhatsApp
Telegram

comunicato – Il bonus di 500 euro è stato riconosciuto solo ai docenti di ruolo, escludendo gli insegnanti abilitati non di ruolo che sono in servizio presso le scuole da decenni. Questo “premio” non è legato al rinnovo del contratto, per cui non possono essere usati a scopo personale, tali soldi sono stati sottratti alla scuola e agli insegnanti. In sostanza è la toppa cucita su un vestito pieno di buchi.

comunicato – Il bonus di 500 euro è stato riconosciuto solo ai docenti di ruolo, escludendo gli insegnanti abilitati non di ruolo che sono in servizio presso le scuole da decenni. Questo “premio” non è legato al rinnovo del contratto, per cui non possono essere usati a scopo personale, tali soldi sono stati sottratti alla scuola e agli insegnanti. In sostanza è la toppa cucita su un vestito pieno di buchi.

Gli insegnanti che non vivono nell’ignoranza continuano a manifestare. Per questo motivo il PSP (Partigiani della Scuola Pubblica), costituito da docenti calabresi, spedirà un libro per l’aggiornamento professionale al Miur, lanciano lo slogan “Fai buon uso dei 500 euro di bonus, regala un libro al governo perché si aggiorni sulla vera Buona Scuola”. Numerosi sono i professori che intendono restituire al mittente il “bonus presa in giro” di 500 euro.

Si evidenzia che tutti gli insegnanti ogni anno perdono mediamente dai 5.000 ai 6.000 euro lordi, a causa del blocco del contratto che dal 2009 ad oggi è congelato, con il conseguente risultato dell’interruzione di carriera.

La riforma della Buona Scuola ha rafforzato e blindato la legge Gelmini (governo Berlusconi), consolidando la cultura politica antisociale e inumana del Partito Democratico e del governo Renzi.

Questo governo, inoltre, sta ipotizzando un aumento dello stipendio pari a 5 euro netti al mese: una vera elemosina ai lavoratori, è un’offesa all’intelligenza umana.

Gli insegnanti ogni giorno assistono a sprechi di denaro pubblico come il finanziamento (500 milioni di euro) ai partiti, politici che spendono milioni di euro per scopi personali (reato di peculato) da sommare le spese per sostenere i loro benefit. Inoltre vengono erogati stipendi a dirigenti ministeriali e istituzionali (Senato e Camera) mediamente da 500 a 1000 euro al giorno. Si fa riferimento al condono di circa 90 miliardi di tasse per le società di gioco, la tutela delle pensioni d’oro che raggiungono fino a 50.000 euro al mese.

Come se non bastasse, per mantenere il lusso sfrenato dei politici e di ex politici, si evidenzia che dal primo gennaio 2017 il governo aumenterà:

l’iva dal 22% al 24%, l’iva intermedia dal 10% al 13%, il Ticket sanitario, la Tari comunale (tassa dei rifiuti), l’Irpef (legata alla Sanità), l’Imu e la Tasi seconda casa dal 10,6 al 11,4, l’addizionale comunale, le tasse scolastiche, le tasse universitarie, ecc…

Inoltre, nella legge di stabilità, oltre a colpire i servizi, con l’art.47 (comma 1,2 e 4) aumenta l’imposta di registro dal 12% al 15%. La Corte dei Conti ha evidenziato che nella legge di stabilità il governo scarica i problemi sugli anni a venire, riducendo i margini di protezione dei conti pubblici e lasciando tanti nodi irrisolti, dall’Iva, Tasi e clausole di salvaguardia alla flessibilità delle pensioni, contratti pubblici, pensioni e sanità. Per cui sarà necessario un consistente aumento delle entrate nelle casse dello Stato a partire dal 2017.

I servizi fondamentali di uno Stato civile (Scuola, Sanità e Trasporti) sono stati declassati e martoriati; si ricorda, a tal riguardo, anche la situazione relativa ai pensionamenti (vedi sentenza Corte Costituzionale).

Gli insegnanti rifiutano nettamente e con convinzione la politica del governo Renzi, fondata sulla demagogia, sull’anti democrazia, sull’ingiustizia sociale, sull’iniquità e sulla disonestà. Si guardi al numero sempre crescente dei politici “professionisti” indagati, rinviati a giudizio e arrestati per peculato e per altri gravi reati.

Quali sono i punti negativi provocati dalla Buona Scuola di Giannini-Gelmini-Renzi-Berlusconi-Tremonti?:

Tagli oltre 8 miliardi di euro per donazioni a scuole private, per il depotenziamento della didattica e del personale ATA. Si assisterà ad un imponente riduzione del numero delle cattedre, all’aumento della dispersione scolastica. Gli insegnanti e il personale Ata continuano ad essere sottopagati, i laboratori tecnici-scientifici chiusi e dimenticati, le classi sempre più affollate, la scuola iper burocratizzata. Il mancato ripristino delle 1200 ore d’insegnamento delle materie tecnico-scientifiche sarà sostituito dallo pseudo sistema duale (alternanza scuola-lavoro).

Un altro aspetto importante è la tutela dell’incolumità degli studenti, del personale scolastico e dei genitori in merito al rispetto delle norme sulla sicurezza che, ad eccezione di pochi edifici scolastici, non sono mai state applicate (vedi gravi incidenti che hanno coinvolto studenti e docenti negli ultimi anni).

Facciamo appello a tutti gli insegnanti, ai rappresentanti sindacali scuola, alle segreterie dei sindacati e ai genitori affinchè si intervenga presso i dirigenti scolastici, in qualità di responsabili dell’attività scolastica e in particolare, della sicurezza dei lavoratori, come indicato dal Dlgs 9408 n.81 (decreto legislativo per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro) per richiedere la seguente documentazione:

1. il certificato di prevenzione incendi obbligatorio per gli istituti scolastici come riportato al punto 67 dell’allegato I del D.P.R. del 1.08.2011 n.151,

2. la messa a norma degli impianti elettrici come riportato nel DM del 22.01.2008 n.37

3. constatare l’eliminazione fisica delle barriere architettoniche

Gli insegnanti e i genitori non dimenticheranno mai la gestione della cattiva politica degli ultimi Governi, continueremo a lottare per mandare a casa quei partiti fondati sul liberismo sfrenato.

Per i Comitati Nazionali (Insegnanti Precari e Noi la scuola pubblica)

I professori: Riziero Agostinelli, Guido Guerini, Giuseppe Fioravanti, Franca Asciutto, Gabriella Aruzzolo, Annunziato Gilberti, Antonio Rossi, Giovanni Condino, Maurizio Amadio, Fortunato Ieraci, Gianpiero Merico.

WhatsApp
Telegram

TFA Sostegno VIII CICLO. La pubblicazione del decreto è imminente. Preparati con il metodo ideato da Eurosofia