Prove nazionali V anno, Invalsi: si possono ancora svolgere. Decide il Ministro

Stampa

Invalsi: svolgimento prove classi V scuola secondaria di secondo grado è decisione politica.

Decreto scuola

Nella giornata di ieri, i rappresentanti dell’Istituto di valutazione sono stati ascoltati in Senato, nell’ambito dell’esame della conversione in legge del decreto n. 22 dell’8 aprile 2020, recante misure sulla conclusione del 2019/20, sull’avvio del prossimo anno scolastico e sugli esami di Stato.

Prove Invalsi: quali classi, date e mancato svolgimento

Ricordiamo che le prove Invalsi sono previste per le classi:

  • II e V della scuola primaria;
  • III della scuola secondaria di I grado;
  • II e V della scuola secondaria di II grado.

Queste le date in cui dovevano svolgersi:

Considerata l’emergenza coronavirus e il fatto che si rientrerà a scuola a settembre (ormai sembra certo), le prove non si svolgeranno, come affermato ieri in Senato anche dai rappresentanti dell’Istituto di Valutazione.

Prove V anno, Invalsi : decisione politica

I rappresentanti dell’Invalsi, in realtà, hanno dato per certo il mancato svolgimento delle prove per la scuola primaria, secondaria di primo grado e per le classi seconde della secondaria di II grado, mentre per le classi quinte della secondaria di secondo grado hanno evidenziato che la scelta di svolgerle o meno è politica, posto che si possa rientrare a scuola (aggiungiamo noi).

Queste, come riportate da Dire, le parole dei rappresentanti dell’Invalsi:

“Le prove Invalsi si svolgono in periodi diversi dell’anno scolastico e per quelle dell’antica terza media che vanno proposte entro aprile possiamo affermare che non essendoci studenti a scuola queste prove non potranno avere luogo. Per quanto riguarda quelle della scuola primaria e secondaria di secondo grado, queste prove sono previste entro maggio ma temiamo che anche qui non si realizzeranno perche’ gli studenti non sono presenti a scuola. Le prove per il livello 13 non hanno una previsione del periodo, per cui aspettiamo una decisione del ministero perche’ sospendere per quest’anno le prove e’ una decisione politica“.”

Per le classi quinte, dunque , non è previsto un periodo preciso di svolgimento, per cui dicono i rappresentanti dell’Invalsi si potrebbero ancora svolgere. La decisione spetta al Ministro: Le prove per il livello 13 non hanno una previsione del periodo, per cui aspettiamo una decisione del ministero perche’ sospendere per quest’anno le prove e’ una decisione politica“.”

Prove Invalsi: no requisiti d’esame

Le prove Invalsi, per il corrente anno scolastico, non saranno comunque  requisiti di ammissione né per l’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione né per l’esame di maturità. Lo prevede il decreto dell’8 aprile 2020 che è, al momento, al vaglio del Senato, per la conversione in legge.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione