Prove Invalsi. A Pisa avviso di sospensione a 25 studenti per boicottaggio. Interrogazione SEL

di redazione
ipsef

SEL presenta interrogazione parlamentare per chiedere spiegazione sulla sospensione di 25 studenti accusati di "danno a proprietà pubblica" per aver cancellato il codice identificativo sui fogli delle prove. 

SEL presenta interrogazione parlamentare per chiedere spiegazione sulla sospensione di 25 studenti accusati di "danno a proprietà pubblica" per aver cancellato il codice identificativo sui fogli delle prove. 

"Il vero danno alla proprieta' pubblica lo sta facendo il governo Renzi con il disegno di legge sulla scuola. E' il governo  – commenta l'On. Fratoianni coordinatore nazionale di Sinistra Ecologia Liberta – che andrebbe sospeso"

Duro anche il commento di Rete degli Studenti medi "Circa 25 studenti con l'avviso di sospensione, solo per aver commesso un atto di protesta innocuo, in quanto la cancellazione del codice della prova non comporta alcun danno economico o fisico, ma solo al non riconoscere lo studente che l'ha eseguita. Noi come sindacato studentesco, ponendoci l'obiettivo di tutelare gli studenti da episodi simili, ci sentiamo di condannare questo provvedimento.  è previsto entro la fine della settimana un incontro assieme a questi studenti ed i loro genitori per discutere l'accaduto, difendere i ragazzi dall'ingiusta ritorsione del dirigente e coordinarci  per un'eventuale azione legale. La scuola dovrebbe essere un ambiente in cui insegna a vivere in una società moderna e democratica, provvedimenti simili trasmettono solamente il messaggio opposto"

Davide Faraone, Sottosegretario all'istruzione, è intervenuto su twitter chiedendo al preside di Pisa di ripensarci "e non sospenda i ragazzi che hanno boicottato i test Invalsi". "Meglio il dialogo", conclude.

La dirigenza della scuola coinvolta ha inviato un comunicando chiarendo che non c'è stata alcuna sospensione e che il consiglio di classe riunitosi "ha sanzionato la mancata partecipazione ai test degli studenti ma la vandalizzazione del modulo (era stato cancellato il numero di matricola) con un'ammonizione scritta del preside e due ore di lezione sui diritti e doveri degli studenti".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione