Prove Invalsi non somministrate. I casi di recupero

di redazione
ipsef

L'USB di Catania comunica di essere stata informata del fatto che alcuni Dirigenti Scolastici della provincia di Catania intendono procedere al recupero delle prove INVALSI non somministrate nei giorni 6 e 7 maggio, a causa dell'adesione degli insegnanti alle azioni di sciopero o a causa delle assenze degli alunni.

L'USB di Catania comunica di essere stata informata del fatto che alcuni Dirigenti Scolastici della provincia di Catania intendono procedere al recupero delle prove INVALSI non somministrate nei giorni 6 e 7 maggio, a causa dell'adesione degli insegnanti alle azioni di sciopero o a causa delle assenze degli alunni.

L'USB afferma nel comunicato "Occorre rammentare che il differimento della somministrazione delle prove è previsto dalla normativa solo in caso di eventi gravi e imprevedibili, che abbiano comportato l'inevitabile chiusura delle scuole, o in caso di impegni improcrastinabili prontamente comunicati allo stesso istituto INVALSI entro i termini previsti dal regolamento."

" Appare di tutta evidenza – conclude il sindacato – come né lo sciopero degli insegnanti, né l'assenza degli alunni rientrino nella casistica prevista dalla normativa. Si diffidano, pertanto, i Dirigenti Scolastici dal procedere al recupero delle prove non svolte per motivi non espressamente previsti e chiaramente regolamentati dalla normativa vigente. Qualsiasi abuso che determini la violazione degli obblighi di legge sarà denunciato alle autorità competenti.

Intanto per domani 12 maggio l'USB ha proclamato lo sciopero breve e di mansione. I particolari in Il 12 maggio la scuola di nuovo in sciopero. No ai test Invalsi

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione