Prove Invalsi, gestione scolastica confusa e disorganizzata. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Enrico Maranzana – Il ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti, intervistato da Il Giornale, ha affermato che i test Invalsi: “Devono diventare più leggeri e moderni”.

Un’intenzionalità da cui traspare sia la nebulosità che avvolge il problema del controllo dell’azione educativa, sia la volontà di sedare il malcontento dei docenti.

Se fosse stata ricercata l’origine delle critiche mosse alle prove nazionali, sarebbe apparsa una gestione scolastica confusa e disorganizzata: i test sono concepiti per soppesare il raggiungimento degli obiettivi fissati nei regolamenti ministeriali, obiettivi che le scuole non perseguono.

  • La finalità del sistema scolastico riguarda la promozione e il consolidamento di competenze, generali e specifiche: scegliere, progettare, analizzare, argomentare .. nei diversi campi disciplinari, sono i traguardi dei processi d’apprendimento.

La scuola è intesa come complesso unitario, sinergico e coordinato: tutti gli insegnamenti devono mirare agli stessi obiettivi.

  • La gestione scolastica è disarticolata, frazionata nei diversi insegnamenti. L’acquisizione, la comprensione e degli argomenti delle singole materie guidano l’attività dei docenti.

Le disposizioni sulla “programmazione dell’azione educativa” e sulla “valutazione periodica degli obiettivi” collegialmente identificati, sono eluse.

I regolamenti di riordino del 2010, che fornivano una prima definizione delle competenze generali, sono stati cestinati.

Prove Invalsi, Fioramonti: devono diventare più leggere e moderne

Versione stampabile
anief banner
soloformazione