Protocollo sicurezza Covid, due metri tra i banchi e la cattedra del docente anche in zona bianca. Le regole

Stampa

Via libera al nuovo protocollo di sicurezza per il nuovo anno. Dopo un confronto fiume, i sindacati hanno trovato l’intesa con il Miur sui tamponi gratuiti per i docenti e sulle misure per evitare classi pollaio. 

Testo del protocollo sicurezza

  • garanzia di una corsia preferenziale per la vaccinazione del personale scolastico, stabilendo accessi prioritari al fine di ampliare la platea dei vaccinati
  • di procedere in modo costante all’analisi e al monitoraggio dei dati epidemiologici
  • un più fattivo raccordo tra ASL ed istituzioni Scolastiche per il tracciamento dei contagi
  • la predisposizione e l’attuazione del piano di screening della popolazione scolastica, previsto dal comma 9 dell’art. 1 del D.L. n. 111 del 2021, con particolare attenzione alla fascia di età 6 – 12 anni
  • una particolare attenzione alle esigenze poste dall’emergenza sanitaria nei Convitti e nei CPIA
  • un piano di intervento sui sistemi di aereazione delle aule
  • la possibilità, per le istituzioni scolastiche, mediante accordi con le Aziende Sanitarie Locali, di utilizzare una parte delle risorse stanziate, come lo scorso anno, per acquisti di beni e servizi, a copertura dei costi per l’eventuale effettuazione di tamponi diagnostici al personale scolastico
  • la promozione di un sostegno psicologico e pedagogico educativo agli studenti anche in relazione alle criticità di carattere educativo determinatisi durante la pandemia tramite un Protocollo di Intesa tra Ministero dell’Istruzione e associazioni dei Pedagogisti ed Educatori

Distanziamento

Si prevede il rispetto di una distanza interpersonale di almeno un metro (sia in posizione statica che dinamica) qualora logisticamente possibile e si mantiene anche nelle zone bianche la distanza di due metri tra i banchi e la cattedra del docente.

Con riferimento ai servizi educativi dell’infanzia, non essendo sempre possibile garantire l’adozione di alcune misure di prevenzione (quali il distanziamento e l’uso di mascherine), è raccomandata una didattica a gruppi stabil

 

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”