Protezione civile, Frassinetti: “Il Ministero è pienamente impegnato a far conoscere le buone prassi ai docenti e agli studenti”

WhatsApp
Telegram

Il Sottosegretario all’Istruzione e al Merito, Paola Frassinetti, rispondendo all’interrogazione della deputata del Partito Democratico, Irene Manzi, ha evidenziato l’importanza del coinvolgimento delle scuole nella promozione della cultura della sicurezza.

Il Ministero mostra un impegno deciso nella diffusione di pratiche consapevoli per gestire i rischi legati ai disastri ambientali nelle istituzioni scolastiche.

L’adesione del Ministero alla Campagna Nazionale “Io non rischio” è un passo significativo in questa direzione. Questa iniziativa prevede l’organizzazione di percorsi esperienziali e attività laboratoriali, condotte dai volontari della Protezione Civile. Si focalizzano su rischi naturali e comportamenti corretti in situazioni di emergenza, coinvolgendo gli Uffici Scolastici Regionali.

Particolarmente rilevante è il progetto avviato in Calabria, con il coinvolgimento degli Istituti comprensivi della città metropolitana. Questo progetto permette agli insegnanti di sviluppare un percorso educativo autonomo nell’ambito dell’Educazione Civica. Per l’anno scolastico 2023/2024, è prevista l’estensione della sperimentazione ad altre regioni interessate.

Il Dipartimento della Protezione Civile, seguendo le indicazioni del Ministero, ha lanciato nel 2023 un progetto specifico per sensibilizzare gli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Questo progetto pone un’attenzione particolare alla formazione e alla consapevolezza dei giovani studenti sui temi della protezione e della sicurezza civile.

Il Sottosegretario Frassinetti assicura che il Ministero è fermamente intenzionato a promuovere e rafforzare iniziative come “Io non rischio”. Tali iniziative dimostrano un approccio sistematico e strutturato nel portare i temi della Protezione Civile all’interno delle progettualità scolastiche, testimoniando così l’importanza data alla formazione dei giovani in ambito di prevenzione e sicurezza.

La risposta del sottosegretario Frassinetti

Il Ministero è convintamente impegnato nella diffusione della cultura della sicurezza presso le istituzioni scolastiche al fine di sostenere buone prassi e consentire agli studenti e al personale scolastico di gestire e affrontare con più consapevolezza i rischi derivanti dai disastri ambientali. Tanto premesso, nell’ambito delle attività previste in collaborazione con il Dipartimento della protezione Civile, si annovera proprio l’adesione del Ministero alla Campagna Nazionale “Io non rischio” che organizza percorsi esperienziali e attività laboratoriali, ad opera dei volontari della Protezione Civile, su tematiche inerenti ai rischi naturali e alle norme di comportamento, ad oggi attuate anche con la cooperazione di alcuni Uffici Scolastici Regionali. Al riguardo, segnalo che con il contributo della regione Calabria, attraverso il coinvolgimento degli Istituti comprensivi della città metropolitana della regione, è stata avviata una sperimentazione del progetto direttamente con gli insegnanti, consentendo loro di sviluppare un percorso educativo autonomo, nello spazio dedicato all’Educazione Civica. Per l’anno scolastico 2023/2024 è in programma di estendere la sperimentazione ad altre regioni che intenderanno intraprendere questo percorso. Aggiungo che il Dipartimento della Protezione Civile – su indicazione del Ministro dell’istruzione e del merito – ha avviato, nel 2023, un progetto che mira a sensibilizzare prioritariamente gli studenti della scuola secondaria di primo grado. Concludo, pertanto, dando piena assicurazione che è convinto interesse del Ministero – come è testimoniato dalla sintetica illustrazione di alcune tra le migliori prassi adottate dalle scuole – promuovere e rafforzare ogni iniziativa, quale quelle citate dall’Onorevole interrogante, che dimostrano un approccio sistematico e strutturato grazie al quale i temi propri della Protezione Civile trovano piena cittadinanza nelle progettualità delle nostre scuole.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri