Proteste studenti, Sasso (Lega): chi incita all’odio è un idiota

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato On. Sasso (Lega) –  In riferimento agli episodi accaduti durante le manifestazioni studentesche odierne, in cui si è incitato alla violenza nei confronti di Matteo Salvini e tutto il Governo Lega – M5S, arrivando a bruciare manichini riproducenti l’immagine di Salvini, il Deputato Rossano Sasso afferma quanto segue:

“Gli studenti idioti ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Perché chi invoca la morte di un avversario politico come è successo a Torino, riproducendone le sembianze in un manichino per poi dargli fuoco, è un idiota. Un idiota fuori dal tempo, come quelli che nel 2018 a Bari questa mattina hanno cantato ancora ” picchiate duro con la falce ed il martello”.

Per fortuna sono pochi, mentre la stragrande maggioranza dei nostri studenti, di bandiere rosse e di centri sociali non sa che farsene.
Manifestare per un ideale è una cosa meravigliosa, comunque la si pensi, di destra o di sinistra, è bello soprattutto quando si ha 17 anni.  Ma incitare all’odio e giocare a fare i nipotini di Stalin è da idioti, e per fortuna rispetto alla popolazione studentesca gli idioti sono pochissimi.

Viva la scuola libera, viva gli studenti liberi, no agli studenti idioti.

P.s. Gli studenti idioti di cui sopra, che protestavano contro l’alternanza scuola lavoro, forse ignorano che questo Governo ha abolito la stessa come requisito obbligatorio ai fini dell’esame di maturità, come previsto dalla L.107, ed anche che la Lega si è battuta in commissione Cultura per ridimensionare la portata di una alternanza scuola lavoro che, così come è stata pensata, si è rivelata fino ad oggi un fallimento.

Studenti in piazza bruciano i manichini di Di Maio e Salvini

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione