Protesta dei genitori per un alunno disabile in classe: il bambino cambierà scuola

di redazione
ipsef

Il bambino di 10 anni affetto da un grave deficit neurologico, che lo fa diventare particolarmente irrequieto, oggi non è tornato a scuola.

Secondo i genitori degli altri bambini, il suo comportamento impedirebbe il regolare svolgimento delle lezioni tanto da decidere di non accompagnare più i loro figli a scuola, lasciando nell’aula, da solo, il
piccolo affetto da ADHD.

Una vicenda che ieri era stata segnalata dal papà e dalla mamma del piccolo, dopo aver trovato la classe vuota e che oggi ha indotto i genitori a decidere di cambiare scuola.
Il piccolo questa mattina è rimasto a casa ancora stordito da
quanto accaduto ieri, come racconta la madre Maria Rosaria :
“E’ stato agitato per tutta la notte, non riuscendo a dormire.
Ho preferito quindi non mandarlo a scuola per evitare ogni
problema e tutelare la sua salute”. In mattinata i genitori del
piccolo hanno partecipato ad un incontro organizzato dal
dirigente scolastico dell’istituto nel corso del quale padre e
madre del bimbo hanno ribadito che “ormai si sta creato un clima
di assoluta incompatibilità”. Da qui la decisione “di concerto
col neurologo che lo segue, di trovare una sistemazione più
idonea alle esigenze del bambini in un altro istituto meglio
organizzato”. “Ormai – dice la mamma – ho capito che in quella
scuola per mio figlio non c’è più posto, è meglio che cambi
aria, che vada altrove, dove possa ricominciare il suo percorso
scolastico seguito da persone qualificate. Mi spiace solo –
commenta la donna – di come le altre mamme abbiano gestito
questa storia. Avrebbero potuto parlarmi prima e decidere
insieme. Io non sarei mai stata capace di fare ciò che hanno
fatto loro”.

Bimbo iperattivo, per i compagni è violento e resta da solo in classe

Versione stampabile
anief anief
soloformazione