Proroga organico Covid: stanziati 400 milioni per docenti e Ata. TESTO UFFICIALE LEGGE DI BILANCIO

WhatsApp
Telegram

Il Senato ha posto la fiducia al maximendamento relativo alla legge di bilancio. Il testo adesso arriva alla Camera. In base a quanto risulta alla versione definitiva approvata dai senatori e relativa relazione tecnica, il Governo stanzia 400 milioni di euro per prolungare fino al termine delle lezioni, il personale docente e ATA aggiuntivo connesso all’emergenza covid.

Il testo bollinato approvato dal Senato, infatti, riporta che il fondo destinato a tale operazione è incrementato di 400 milioni.

Andando nello specifico, la relazione tecnica alla legge di bilancio, spiega come sono suddivisi tali risorse in termini di distribuzione dei contratti: 18 mila contratti per gli insegnanti e 7800 per il personale ATA.

Ci saranno, ad esempio, 400 milioni per permettere alle scuole di continuare ad avvalersi del personale aggiuntivo assunto a settembre per gestire meglio l’emergenza sanitaria. La misura riguarda sia docenti che Ata. Daremo a breve ai dirigenti scolastici informazioni su come dare continuità a questi contratti in scadenza“. Sono le parole del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, a proposito dell’approvazione della manovra 2022.

Le ultime novità sulla scuola

La valorizzazione della professione docente

L’emendamento dell’esecutivo prevede ulteriori 60 milioni per la valorizzazione della professione docente. Inizialmente il testo licenziato dal Governo prevedeva un fondo da 230 milioni. Pertanto, la cifra complessiva sale così a 290: risorse da utilizzare per superare, seppur di poco, la quota di 100 euro di aumento in busta paga degli insegnanti in vista del prossimo rinnovo del contratto. Scomparendo il riferimento alla «dedizione» del corpo docente da premiare, tanto criticata dai sindacati, le risorse potranno ora essere spalmate “a pioggia”.

Fondi per le retribuzioni dei dirigenti scolastici

Il Fun, il fondo per il finanziamento delle retribuzioni di posizione e di risultato, viene incrementato con la legge di bilancio di ulteriori 8,3 milioni per il 2022 e 25, al lordo degli oneri a carico dello Stato, per l’anno 2023. Tali importi sono destinati alla retribuzione di posizione di parte variabile dei dirigenti scolastici.

Docenti di educazione motoria alla primaria

Dal testo originario della manovra 2022 bisogna ricordare una novità: nelle scuole primarie, dal prossimo anno, gli alunni potranno praticare Educazione motoria con un docente specializzato. Al fine di conseguire gli obiettivi del PNRR, si introduce l’insegnameno curricolare dell’educazione motoria nella scuola primaria. Allo stesso tempo si introduce la classe di concorso “Scienze motorie e sportive nella scuola primaria”. Le ore di insegnamento di educazione motoria saranno introdotte progressivamente a partire dalle classi quinte nell’anno scolastico 2022-23 e nelle classi quarte e quinte a partire dall’anno scolastico 2023-24.

Scuole montane e isole minori

La manovra mette sul piatto oltre 120 milioni per estendere anche per i prossimi due anni scolastici l’assegnazione di presidi e Dsga a scuole con almeno 500 studenti, 300 per quelle ubicati in piccole isole e comuni montane.

Indennità per chi insegna in sede “disagiata”

Sempre per quanto riguarda le isole minori, è stato approvato l’emendamento per l’attribuzione di un’indennità da sede disagiata per i docenti assegnati nelle piccole isole, con uno stanziamento di 3 milioni di euro per il 2022 in una sezione del fondo per il miglioramento dell’offerta formativa.

Stabilizzazione degli ex Lsu

Da segnalare anche l’approvazione dell’emendamento M5S che autorizza il ministero dell’Istruzione ad assumere il personale ex lsu per servizi di pulizia e igienizzazione degli ambienti scolastici.

Supporto psicologico a scuola

Ci saranno più fondi per supportare il personale delle istituzioni scolastiche statali, gli studenti e le famiglie attraverso servizi professionali per l’assistenza e il supporto psicologici in relazione alla prevenzione e al trattamento dei disagi e delle conseguenze derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Soldi alle paritarie

L’emendamento del Governo prevede anche novità per le scuole paritarie. Stiamo parlando di 20 milioni aggiuntivi reperiti dall’esecutivo. I criteri di ripartizione del “contributo aggiuntivo” saranno definiti da un decreto del ministero dell’Istruzione da adottare entro trenta giorni dall’entrata in vigore della manovra. Ovvero entro fine gennaio.

Lotta al cyberbullismo

Infine, per quanto riguarda la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo, con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti degli alunni delle scuole di ogni grado e ordine, viene istituito il Fondo permanente per il contrasto del fenomeno del cyberbullismo. Il Fondo è istituito presso il ministero dell’Istruzione e prevede una dotazione di 2 milioni di euro per il 2022.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur