Una proposta di riforma della scuola. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Fortunato Carpentieri – Questa vuole essere una seria ed epocale riforma della scuola:

Come aumentare lo stipendio degli insegnanti a costo zero per lo stato migliorando la qualita’ per i docenti e gli alunni

1) Semplicemente eliminando gli sprechi, PORTARE DA 18 a 25 LE ORE SETTIMANALI di lavoro per la scuola secondaria di primo e secondo grado, (pertanto tutte le mattine gli insegnanti si recheranno a scuola dalle 08:00 alle 13:00 per 5 giorni) restano sempre 18 le ore d’insegnamento con 7 ore di disponibilita’ settimanali, che il dirigente potrà utilizzare in caso di: ASSENZE PER MALATTIA O ALTRO,( si eviterebbe di sdoppiare le classi e finalmente gli alunni non resterebbero piu’ senza insegnanti in caso di assenze per malattia ecc. )PROGETTI POMERIDIANI, ( cosi non ci sarebbe piu’ la corsa ad accaparrarsi i progetti, mettendo uno contro l’altro gli stessi insegnanti.) FUNZIONI OBIETTIVO, GIOCHI STUDENTESCHI ( per insegnanti di educazione fisica)’, UTILIZZARE I DOCENTI IN ORE POMERIDIANE per fare recuperare gli alunni con delle carenze, ripetizioni d’inglese, di matematica senza far pagare le lezioni private ai genitori ecc. Solo di progetti, di ore eccedenti,giochi studenteschi, funzioni obiettivo ecc. si rispamierebbero milioni di euri, migliorando la qualità dell’insegnamento, ecco che con questi soldi risparmiati si potrebbe dare un serio aumento sullo stipendio

2) Nelle scuole materne, (elementari ) l’inglese lo deve insegnare una laureata in lingue ( come in tutte le nazioni civili dell’europa) e non piu’ la maestra con diploma che ,con tutto il rispetto, insegna la lingua con un banale corso di pochi mesi, portare da 2 a tre le ore di lingua inglese, finalmente anche i ragazzi Italiani saranno al passo con i giovani di tutta europa. Il tutto a costo zero in quanto le maestre che insegnano inglese tornerebbero ad insegnare normalmente le loro materie di competenza.

3) Nelle scuole materne ( elementari ) L’educazione fisica deve essere insegnata da laureati in scienze motorie non piu’ dalle maestre che a proposito hanno poche competenze. Tanta psicomotricita’ e movimento, sarebbero un toccasana per prevenire i paramorfismi evitando busti correttivi, con un risparmio per il S.S.N. Anche questo a costo zero perche’ esistono gia’ le ore di educazione fisica.

Avrei altre proposte serie da fare ma sarebbe troppo lunga e non mi leggerebbe nessuno.Come per esempio dare 5 minuti di ricrezione ai ragazzi ogni ora e alla terza ora dare 15 minuti ,cosi funziona nei migliori paesi europei.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare