Pronte le commissioni per ricorreggere i compiti dei candidati a DS della Lombardia

WhatsApp
Telegram

Giulia Boffa – La storia del concorso a dirigente scolastico della Lombardia nasce con la pubblicazione del DDG del 13 luglio 2011, quando viene bandito dal Miur un nuovo concorso ordinario a 2.836 posti di dirigente delle scuole statali, da effettuarsi su base regionale.

Giulia Boffa – La storia del concorso a dirigente scolastico della Lombardia nasce con la pubblicazione del DDG del 13 luglio 2011, quando viene bandito dal Miur un nuovo concorso ordinario a 2.836 posti di dirigente delle scuole statali, da effettuarsi su base regionale.

Il 12 ottobre si svolge una controversa prova preselettiva (113 sedi per 32mila partecipanti).

Nel 2012 in Lombardia il Tar annulla la prova per la presunta irregolarità delle buste contenenti i nomi dei candidati. 

Comincia così la fase dei ricorsi, che è sfociata nel Consiglio di Stato che ha decretato il reimbustamento dei compiti e, finalmente oggi, alla formazione della commissione che dovrà ricorreggerli.

L’USR Lombardia ha infatti pubblicato il decreto dipartimentale di costituzione e nomina della Commissione esaminatrice per la ricorrezione delle prove scritte dei candidati a suo tempo ammessi in Lombardia.

Sono andate così a vuoto le proposte di risolvere la questione del concorso ed evitare le reggenze, che interessano 474 scuole lombarde.

In un primo momento sembrava che la soluzione dovesse arrivare con un decreto urgente inserito nel decreto del Fare; poi invece doveva essere inserita nel decreto legge in materia di occupazione delle Pubbliche Amministrazioni del ministro D’Alia, con l’art. 17, presente nella bozza, dal titolo "Misure urgenti per l’avvio dell’anno scolastico". Ma il decreto D’Alia poi non è stato più presentato.

Si era poi palesata l’idea che i candidati che avevano superato la prova preselettiva del concorso potessero ottenere l’incarico da dirigente per un anno per evitare le reggenze, ma la paura di ulteriori ricorsi ha fermato la decisione.

Infine, nel DL 104/2013 è stata prevista la deroga ad esonerare dal servizio i “vicari” delle scuole date in reggenza ad altro dirigente scolastico nelle regioni in cui non si sono ancora conclusi “con la definitiva approvazione delle graduatorie” le procedure concorsuali per il reclutamento dei dirigenti scolastici: si applica alle regioni Lombardia, Abruzzo e Campania.

Ora, finalmente, i compiti si ricorreggeranno. Una curiosità: i commissari sono quasi tutti presidi in quiescenza.

Il provvedimento

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur