Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Progetto inclusione alunni stranieri “Alfabetizzazione di primo e secondo livello educazione alla mondialità”. Scarica PDF

WhatsApp
Telegram

Costruire una comunità di classe in cui tutti gli studenti provano e vivono, compiutamente, un senso di appartenenza fattiva e complessa, è la migliore scelta pedagogica e didattica sulla quale la maggior parte degli insegnanti impegna interi periodi dell’anno (nella maggior parte dei casi, le prime settimane dello stesso) per costruire una scuola e una comunità scolastica effettivamente inclusiva a tutti gli effetti. Sappiamo che creare uno spazio sicuro per diversi stili di apprendimento, per molteplici generi, per plurime origini razziali, religiose ed etniche va ben oltre il primo mese di ritorno dei nostri alunni nelle nostre classi. Ma come possiamo garantire che l’inclusività sia al primo posto nella nostra istruzione quotidiana? Utilizziamo la stagione estiva per pensare a come modificare i nostri stili relazionali. Le strategie di classe inclusive che vi proponiamo sono assolutamente indispensabili per iniziare a costruire una cultura di classe positiva.

Alcune strategie inclusive

La pedagogista L. Pullum propone le seguenti strategie di inclusive:

Conosci i tuoi studenti e lascia che ti conoscano

Creare uno spazio sicuro per la condivisione degli studenti

Fornire istruzioni in vari modi

Scegli Letteratura pertinente

Invita i relatori ospiti a condividere le loro storie.

Strategie di classe innovative e inclusive per incorporare l’apprendimento socio-emotivo

Esistono – scrive L. Pullum – molte strategie di classe innovative e inclusive per incorporare l’apprendimento socio-emotivo e l’insegnamento culturalmente reattivo nella tua pratica. Per rafforzare l’empatia in classe, è necessario realizzare lezioni complete che affrontano l’apprendimento socio-emotivo, specialmente per la scuola Primaria e le prime classi della Secondaria di I grado.

Creare opportunità per gli studenti finalizzata a condividere i loro interessi

Stabilire un legame con gli studenti, specialmente se piccoli, richiede, talvolta, molto tempo. Creare opportunità per gli studenti finalizzata a condividere i loro interessi, le loro lotte e le loro aspirazioni con il docente e condividere le aspirazioni, gli interessi e le lotte degli insegnanti con loro crea, inevitabilmente, una connessione che può continuare a crescere. Ad alcuni insegnanti piace utilizzare sondaggi per saperne di più sui propri studenti. Pensa a cosa ha funzionato per te in passato e cosa no; cosa puoi fare in modo coerente per connetterti con ogni studente?

Creare uno spazio sicuro per stabilire connessioni con i loro coetanei

Gli studenti hanno anche bisogno di tempo esplicito per stabilire connessioni con i loro coetanei. Sarebbe necessario suddividere, regolarmente, gli studenti in nuovi piccoli gruppi e usa la strategia “Vedo, penso, mi chiedo” per direzionare (guidare, per intenderci) qualcosa che hanno imparato o un evento attuale che potrebbe essere nella loro mente. Modellando come dovrebbe funzionare e creando norme di gruppo, gli studenti possono mettere in atto (meglio ancora, innescare) conversazioni feconde che producono empatia e condividono opinioni diverse in modo rispettoso. Rafforzare le abilità socio-emotive come l’empatia e la compassione nella tua classe favorisce interazioni positive tra i tuoi studenti.

Diversi stili di apprendimento e reinventare le lezioni esistenti

Vi sono prove crescenti che dimostrano che le lezioni influenzano positivamente il coinvolgimento degli studenti. Per fare appello a diversi stili di apprendimento, reinventa le lezioni esistenti, in particolare quelle che sembrano pesanti lezione, con nuovi video, libri e attività digitali ludici. Uno studio, confrontando il coinvolgimento degli studenti con lezioni gamificate, rispetto a lezioni tradizionali alternative, è emerso che gli studenti hanno mostrato punteggi medi di classe più elevati sia per la concentrazione che per l’attenzione durante l’apprendimento basato sul gioco digitale sei volte su otto. Il contenuto di apprendimento vario che fa appello ai diversi interessi degli studenti è essenziale quanto lo stile di istruzione.

Scegli Letteratura pertinente

Parte dell’insegnamento culturalmente reattivo – scrive L. Pullum – include la possibilità di fornire, agli studenti, opere letterarie che siano capaci di mettere in risalto l’esperienza umana, i vissuti personali di ciascuno degli alunni. Sarebbe utile includere storie del luogo, tradizioni ormai dimenticate e esperienze portate con sé dai rifugiati, nonché storie che includono personaggi con disabilità fisiche o di apprendimento. Sarebbe utile realizzare un’apposita biblioteca con elenchi di libri, adatti a tutti i livelli scolastici, da utilizzare in ciascuna delle classi e per tutti gli alunni.

Invita come ospiti dei relatori (donne e uomini autorevoli e riconosciute) per condividere le loro storie

Secondo un articolo pubblicato sull’Economics, quando gli studenti possono identificarsi con l’origine razziale o etnica di un insegnante o di un oratore, ospite per una particolare occasione, un evento, un importante convegno, è più probabile che gli studenti abbiano (acquisiscano) prestazioni migliori e siano più coinvolti (direttamente e fortemente) poiché vedono un potenziale modello di ruolo o mentore in quella persona. Invitando un relatore, è possibile fornire ai nostri studenti l’accesso diretto e immediato (con un coinvolgimento diretto) a un’esperienza di apprendimento autentica che diversamente non avrebbero mai avuto. Sono esperimenti unici e irripetibili che è necessario proporre subito.

Progetto inclusione alunni stranieri “Alfabetizzazione di primo e secondo livello educazione alla mondialità”

Il progetto inclusione alunni stranieri “Alfabetizzazione di primo e secondo livello educazione alla mondialità” è stato redattore dai docenti del brillante Istituto Comprensivo di Turate. “Il concetto di integrazione – si legge nelle motivazioni – investe uno spazio più ampio rispetto al concetto di accettazione dello straniero e al relativo inserimento in classe. L’integrazione passa attraverso la consapevolezza che incontro e scambio favoriscono il processo di continua elaborazione da cui la cultura prende vita. Il progetto tenta di soddisfare l’esigenza contemporanea di promuovere la conoscenza di elementi culturali diversi, in modo da sviluppare l’approccio interculturale verso l’altro. Lavorando in questa direzione risulta evidente la necessità di operare anche per il superamento dello svantaggio linguistico che si configura come ostacolo ed elemento di divisione. Il concetto di inclusione sottolinea un’idea di scuola in cui ogni alunno è protagonista del proprio percorso e portatore non solo di bisogni ma anche di opportunità di crescita per il gruppo. Il lavoro, in sintesi, ha come oggetto la progettazione, la condivisione e la realizzazione di attività riguardanti l’accoglienza e l’integrazione di alunni stranieri, l’attivazione di percorsi di acquisizione del codice linguistico o di potenziamento della conoscenza della lingua italiana, la promozione dell’apprendimento della lingua italiana come strumento per gli altri apprendimenti”.

Progetto inclusione

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur