Un progetto – gioco per gestire la propria paghetta acquistando on line

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Il progetto "Giovani consumatori nel web", è un’iniziativa promossa dal Ministero delllo Sviluppo Economico e realizzato da Unioncamere,che ha coinvolto 1200 allievi tra i 14 e i 18 anni, provenienti da 50 diversi istituti secondari superiori d’Italia, e 180 loro insegnanti preventivamente formati.

Red – Il progetto "Giovani consumatori nel web", è un’iniziativa promossa dal Ministero delllo Sviluppo Economico e realizzato da Unioncamere,che ha coinvolto 1200 allievi tra i 14 e i 18 anni, provenienti da 50 diversi istituti secondari superiori d’Italia, e 180 loro insegnanti preventivamente formati.

Il percorso di apprendimento si è svolto in più fasi durante l’intero anno scolastico 2012-2013, ed ha avuto il suo fulcro nella partecipazione ad un gioco online diretto ad insegnare ai ragazzi come usare al meglio la propria "paghetta" mensile. Quest’ultimo si è configurato come una vera e propria competizione in cui gli allievi, organizzati in squadre, hanno dovuto amministrare un budget, gestire scelte di acquisto e consumo e far fronte ad eventi imprevisti, inclusi tentativi di frode informatica ai loro danni.

Tra le 50 classi partecipanti la squadra vincitrice è risultata la classe "V" A dell’Istituto "A. Guarasci" di Rogliano (CS).
L’impegno degli insegnanti è iniziato invece prima, con un’attività di formazione di durata complessiva di 100 ore, suddivisa in 24 ore di formazione online, 4 ore di formazione in presenza (25 incontri), 4 ore di esercitazione, e 68 ore di studio individuale, e culminata con il riconoscimento di crediti formativi universitari per la frequenza.

La "filosofia del gioco", come riporta un comunicato stampa ufficiale, è stata quindi quella di " educare gli adolescenti a gestire in modo oculato le proprie risorse economiche, mettendoli in guardia contro i rischi dell’uso della rete" ed invitandoli a riflettere "sulle conseguenze future di un acquisto prima che esso venga realizzato".

Unioncamere e Ministero dello Sviluppo Economico, prosegue il comunicato, "hanno voluto dare una risposta concreta alle ansie di tanti genitori con un’iniziativa molto pratica e coinvolgente, finalizzata a rendere i ragazzi – ma anche gli adulti – maggiormente consapevoli dei rischi in cui possono incorrere quando acquistano online beni e servizi e quando scambiano informazioni attraverso la Rete.  

 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione