Progetti PON, 52 indagati a Lamezia Terme. Le accuse vanno dal concorso in abuso d’ufficio alla truffa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Procura della Repubblica di Lamezia Terme ha formulato accuse di concorso in abuso d’ufficio e truffa nei confronti di dirigenti, esperti esterni e docenti di un istituto di Lamezia.

Sarebbero 52, come riferito da quotidianodelsud.it, gli indagati ai quali vengono contestati:

  • nomine a docenti esperti senza tenere in considerazione quanto sabilito nelle linee guida del bando, procurandosi così illeciti profitti a danno dell’Unione Europea e del Miur;
  • accettazione di candidature oltre oltre la scadenza dei termini;
  • inserimento nel bando di clausole difformi a quelle previste dalle linee guida;
  • predisposizione di false attestazioni di regolarità dei termini;
  • omissione di segnalazione dell’effettivo orario di lavoro.

Ulteriori accuse, relative ad attestazioni di regolarità dei preventivi di spesa, sono state rivolte al dirigente e al DSGA dell’Istituto.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione